Utente 987XXX
Salve mi chiamo Stefano,il 17 novembre urtando in ufficio contro un apparato ho subito un trauma al dito medio della mano dx ( 3^ falange )ito che la falange del dito non rispondeva più ed aveva assunto la posizione classica del martello.Mi sono recato subito al pronto soccorso dove mi hanno fatto subito una lastra per escludere rotture ossee,dopo visto che non vi erano rotture la dott.ssa mi diagnosticava "3° dito a martello politraumatico" e mi mandava ad un centro di chirurgia della mano per una visita dallo specialista.
Il medico ha provveduto ad applicarmi la stecca con "plint di stax " da portare per 60 giorni , invitandomi a non rimuovere per nessuna ragione ( tranne che ogni 15 giorni per il controllo presso di loro ).Dopo 62 giorni circa mi hanno tolto la stecca e mi hanno consigliato di iniziare a fare dei movimenti leggeri con molta calma.Ora dopo 7 giorni ho sempre un gonfiore al dito e non riesco ha fare dei piegamenti con esso perchè sento che il dito mi tira tanto. Cosa devo fare per rieducare l'arto? Il trattamento è stato corretto!
Grazie resto in attesa di uba vostra risposta Stefano B.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. utente, il trattamento a Lei proposto mi pare corretto e rigoroso. E' NORMALE che il suo dito sia parzialmente irrigidito dopo due mesi di immobilizzazione. Occorre ora una mobilizzazione cauta e graduale di tipo attivo (non forzare nè piegare passivamente il dito). Consiglio anche di portare il tutore protettivo durante la notte per due settimane per evitare traumatismi sul dito rigido. Si affidi ad un bravo terapista! Cordiali saluti!