Utente 988XXX
Buongiorno,
sono una donna di 32 anni. Il 27 gennaio ho avuto una colica renale al rene sx diagnosticata attraverso ecografia al pronto soccorso: oltre al calcolo di 5 mm al rene sx (per fortuna espulso) mi hanno diagnosticato al rene dx una lieve dilatazione del bacinetto controlaterale. Effettivamente ho sempre un dolore al rene dx e al bacino dx, ma credevo che dipendesse da altri organi come l'intestino (da sempre pigro) o le ovaie. Oltre a questo dolore che si acutizza prima della mestruazione, dopo aver partorito 2 anni fa un bambino di 4.100 Kg ho notato sempre di più che tra il pollice e l'indice del piede dx ho una senzazione strana come di formicolio e massaggiando mi sembra di non avere sensibilità. Sento che il dolore dal rene si sposta al bacino e continua lungo tutta la gamba fino ad arrivare proprio tra il pollice e l'indice del piede. Eseguirò esami urine specifici, un'altra eco a marzo, esame del calcolo ma attualmente vorrei chiederle se questa lieve dilatazione del bacinetto controlaterale può generare delle problematiche e se questo dolore che dal bacino arriva fino al piede dipende da questo problema e cosa comporterà.
Ringrazio per la gentile attenzione
[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Cara signora la sintomatologia da lei riferita potrebbe riferirsi ad una calcolosi controlaterale. Le suggerisco di eseguire una nuova ecografia renale e vescicale e approfondirla con l'esecuzione anche di una rx urografia e successivamente farsi visitare da un collega urologo al quale sottoporrà questi esami che le ho suggerito.
[#2] dopo  
Utente 988XXX

Iscritto dal 2009
Gent.ssima dottoressa,
ho fatto il 3-02 l'ecografia all'apparato urinario completo con i seguenti risultati
rene sx 2 piccoli spot iperecogeni di circa 2-3 mm tra terzo medio e terzo superiore del sieno pielico. Completa regressione delle cavità caliopieliche precedentemente segnalata /eco del 27-01)

rene dx si osserva una minima ipotonia del bacinetto renale senza dilatazione dell'uretere a valle, condizione che regredisce parzialmente dopo minzione, pertanto di incerta natura patologica ed eventualmente meritevole di controllo ecografico tra quattro sei mesi. Da tale lato non si apprezzano immagini di sospetto litiasico.
Stò aspettando i risultati del sangue e delle urine ma l'urologo non mi ha chiesto di fare una rx urografia. E' necessario che alla prossima visita glielo suggerisca?

Non stò ancora bene. Ho dolori hai reni, a volte bassi a volte alti che sprendono anche lo stomaco e ho come scosse elettriche come se venissero dall'utero o dall'uretere non capisco bene. Al rene dx ho accusato per molti giorni dolore e un gonfiore come se l'urina ristagnasse. Pensa che questo sia dovuto alla dilatazione del bacinetto? Ieri sera dopo l'ennesima scossa più forte, nelle urine ho trovato 2 sassolini di dimensione ne piccola (tipo renella) ne grande tipo il calcolo che mia ha causato la colica del 27-01 e successivamente un certo benessere.
colei che mia ha fatto l'ecografia ha supposto che la dilatazione sia congenita e non patologica. Ma questo cosa significa? Significa che il dolore seppur sopportabile lo terrò per sempre, che il dolore che sento sulla dx cioè che il rene quando infiammato trattenga realmente l'urina e con quali complicazioni.
Oltre a ciò l'8 di gennaio ho dovuto effettuare una leep, cioè una "conizzazione" dell'utero per un pap test cin 2 (displasia grave) derivante da papilloma virus, con risultato di biopsia cin 3 (carcinoma in situ). Crede che queste 2 cose siano collegate?
La ringrazio per la sua gentile attenzione.
Cordiali saluti