Utente 992XXX
Gentili Dottori voglio sottoporre alla Vs attenzione una situazione molto delicata.Ho sofferto di vaginismo per tanti anni ho 33 anni sono stata fidanzata dall'età di 25 anni e mi sono sposata un anno fa.Io e mio marito (42 anni)non abbiamo avuto rapporti completi fino a pochi mesi fa quando la voglia di avere un bimbo seppure con grande fatica mi ha fatto un po' sbloccare, ma la penetrazione era dolorossima.Ho fatto una visita ginecologica a luglio 2008 e la dott.ssa mi ha detto che era tutto ok a livello organico e mi ha dato degli esercizi da fare (es. infilare prima uno poi 2 dita in vagina, assorbente interno...).Mio marito mi ha sostenuto tantissimo e credo di aver superato il mio problema.
Ma adesso da circa 3 mesi che mio marito non riesce ad avere una buona erezione tanto da poter effettuare una penetrazione.Ha fatto la visita dall'andrologo che ha detto si tratta di un problema psicologico.Ha fatto lo spermiogramma a dicembre: tutto ok!Io sono molto assillante dopo ogni fallimento, mi sento triste e rammaricata perchè ho paura che cosi' non potro' rimanere incinta.A lui pesa tanto cio' e mi dice che cosi' non lo aiuto.....
Ieri stava male causa mal di gola, c'è stata una breve erezione ma non l'eiaculazione e cosi' per due volte.Il giorno prima invece c'è stata una eiaculazione scarsa.
Una settimana fa il medico curante gli ha prescritto il Cialis che mio marito intende prendere.
Ma io adesso ho un'altra fissazione "come mai non c'è stata eiaculazione?"
Noi ci amiamo tanto siamo stati sempre felici ma l'idea della maternità per me in questo momento è diventato un chiodo fisso!
Vi ringrazio tanto!
Anna.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
capisco la sua angoscia e le sue paure tipiche di ogni coppia che cerca un figlio. A tal fine le invio il seguente link.
http://www.giorgiocavallini.altervista.org/contenuto/androinfertilita.htm

Visto la numerosità di attese investite sul rapporto sessuale consiglierei una visita da un collega esperto e/o un consulenza da un esperto sessuologo.

Via internet non riesco a fare di più Creda. Faccia sapere come vanno le cose se vuole.
[#2] dopo  
Utente 992XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dott. Cavallini,
La ringrazio per Sua la risposta.
Ma Lei crede possa trattarsi di un problema psicologico?
Stamattina mio marito nonostante sotto antibiotici per il mal di gola e l'influenza (sta in malattia) aveva un'erezione possente...solo che me ne sono accorta (forse è stato lui a volere che me accorgessi) proprio quando mi stavo alzando per andare a lavoro.Pensa che potremmo provare col Cialis, ha delle controindicazioni per il concepimento?
Ho letto che Lei non esercita a Roma la Sua professione.Potrebbe indicarmi un esperto andrologo qui a Roma?
Grazie ancora.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
esiste una gara del tutta infida fra i produttori di tal farmaci per dimnostrare che il comncorrente fa male alla produzione di spermatozoi. Per adesso il numero di articoli che sostiene che fa bene o che fa male si eguaglia, per cui lo prenda tranquillamente. Per quanto riguarda il collega romano lo troverà senz' altro sul ns. indirizzario o su quello della società italiana di andrologia. In ogni caso dal momento che a suo marito è già stata fatta diagnosi di problema psicologico, provi nel frammentre a girare bil suo post agli psicologi del sito.
[#4] dopo  
Utente 992XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dott.Cavallini, volevo informarLa che la situazione sessuale tra me e mio marito è migliorata, peraltro al momento senza l'aiuto del Cialis.
Ora mi trovo in questa situazione: io ho un ciclo mestruale di una durata di 30/31 giorni; la mia ultima mestruazione è stata il 28/02/2009; io e mio marito abbiamo avuto rapporti non protetti i gg 14/15/16 marzo.Lei pensa che potrebbero essere i gg "giusti" per far iniziare una gravidanza?
Dal momento che appunto vorremmo un bambino mi puo' dare dei consigli per facilitare il concepimento?
La ringrazio infinitamente.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
son molto contento, che quel tal farmaco non serva. In verità, vista la pressione dei produttori, tendo a sopportarli sempre meno. Srrà la vecchiaia. Per quanto riguarda la cadenza dei rapporti mi permetta il silenzio stampa. Mai mirare i rapporti diminuisce l' orgasmo maschile (meno spermatozoi eiaculati) e quello femminile (meno movimenti aspiratori dell' utero. L' organizzazine mondiale della sanità consiglia 2-3 rapporti settimanali, cadenza: quando ne avete voglia.