Utente 676XXX
Buonasera
Le scrivo a nome di tutta la mia famiglia,
sono molto preoccupata per mio suocero che da circa tre settimane è ricoverato in ospedale in un reparto di medicina per una broncopolmonite bilaterale, purtroppo circa 10 anni fa ha subito un trapianto di valvola cardiaca (mitrale) che fino ad oggi non ha dato problemi ,anche dagli ultimi esami fatti il funzionamento risulta nella norma,
ora il problema non sembra essere solo la broncopolmonite , ma lo scompenso che il cuore ha avuto, nello stato attuale viene somministrato dell’ossigeno ,antibiotici per la broncopolmonite, ed altri farmaci di cui non conosco i nomi per il cuore. La situazione sembra essere lievemente migliorata in quanto gli arti si stanno lentamente sgonfiando, purtroppo i medici di quel reparto non dicono molto alle domande da me poste tranne il fatto che comunque è una cosa lunga e nell’insieme un lieve miglioramento è avvenuto, anche se mangia poco ed è sempre debole ,fa qualche passo di qualche minuto per poi tornare a letto, essendo sempre stato un soggetto attivo vederlo in queste condizioni siamo tutti preoccupati.
Le domande che le pongo sono se mio suocero di 78 anni con queste patologie potrà mai cavarsela?
Il gonfiore è da imputarsi solamente ad un fatto cardiaco, o può essere una concausa della broncopolmonite?

La ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, alla sua prima domanda (di cui non ne ho compreso l'effettiva utilità) senza conoscere effettivamente "dal vivo" le condizioni di suo suocero non può avere risposta, per la seconda l'edema agli arti inferiori è uno dei segni di scompenso cardiaco, che a sua volta può essere stato determinato dalla broncopolmonite.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 676XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sollecita risposta,
per quanto riguarda l'utilità della prima domanda,penso che da persone profane in materia e preoccupate per la salute della persona in questione andava comunque posta,
indipendentemante dalla risposta che sarebbe stata data, contavamo sull'esperienza in materia, e sui molteplici casi che vedete ogni giorno per un minimo incoraggiamento, ma come Lei cita senza essere in loco poco è possibile.

La ringrazio comunque del suo interessamento.
Cordiali saluti