Utente 922XXX
Gentile dottori, vi scrivo per conto di mio fratello che ha 23 anni. Domenica scorsa ha avvertito dei dolori alla gamba destra (all'altezza del ginocchio) che quasi non gli permettevano di camminare bene. Martedi sera è comparsa la febbre (premetto che il dolore alla gamba non è mai passato anche se si è presentato a fasi alterne)e mercoledi con febbre quasi a 38.5° il dottore ha detto che si trattava della gola. Giovedi era ancora presente una leggera febbre ha avuto mal di stomaco e vomito e ha notato che lungo la gamma destra (quasi all'altezza dell'inguine fino al polpaccio) erano comparse delle macchie rosse con dei puntini come se contenessero un liquido. abbiamo pensato al un0intolleranza all'antibiotico prescritto da dottore. Oggi il dottore è ritornato è ha detto che si tratta di herpes zoster, gli ha prescritto una pomata e delle compresse da prendere ogni quattro ore ha detto che probabilmente ha contratto il virus forse perchè si trova in un periodo in cui le difese immunitarie sono deboli (circa un mese fa ha avuto un forte raffredore con mal di gola e febbre intorno ai 37.5° che ha curato con antibiotici ma non con il riposo a letto). L e chiedo se la diagnosi è corretta è se ce pericolo di contagio non solo venendo a contatto con le ferite ma anche restando nella sua stessa stanza, e se tale pericolo esiste per quanto tempo si rmane infetti, dato che abbiamo una sorella incinta per quanto tempo non possiamo vederla. GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
La diagnosi di Herpes Zooster è piuttosto agvole per un dermatologo nelle le fasi di stato (ovvero di massima evidenza clinica): le donne in gravidanza dovrebbero evitare il contatto con questi pazienti solo se non hanno avuto la VARICELLA:
il virus erpetico è infatti lo stesso (VIRUS VARICELLA ZOOSTER); massima tranquillità, utilizzo delle terapie e di indumenti per l'igiene personale non comuni(asciugamani etc.)

il contagio interpersonale è tutt'altro che frequente, poichè il virus non si contrae ma alberga fin dalla nascita nelle nostre terminazioni nervose in stato latente; solo per disimmunitarismi può creare la sintomatologia.

Cari Saluti.
Dott. Luigi Laino
Dermatologo e Venereologo, Roma
[#2] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Oltre alla chiara esposizione del Collega Laino, suggerirei la seguente cura:
* 2LZONA BIOLIFE - Sciogliere in bocca il contenuto di una capsula al dì, in ordine progressivo e lontano dai pasti. Saluti.