Utente 102XXX
Ormai sono due anni che ho una prostatite con sintomi: nicturia, bruciori perineali,al mattino al risveglio sul glande trovo del liquido trasparente(sarà liquido prostatico?)e bruciori post minzione. ho fatto diversi esami: spermiocoltura tamponi uretrali ma non è stato rilevato nessun batterio o virus.esame transrettale ha riscontrato delle calcificazioni in zona periuretrale. Sono stato in cura da diversi urologi che mi hanno prescritto degli antibiotici andando alla cieca.
Chiedo se sia il caso di eseguire altri esami o applicare qualche terapia non convenzionale visto che gli antibiotici presi non hanno avuto nessun effetto.
[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
le consiglio sicuramente di tentare la via non convenzionale in quanto in omeopatia si è in grado di intervenire anche quando la diagnosi di malattia non è ben definita o l'agente eziologico non viene trovato.
A noi interessano i puri e semplici sintomi mentali, fisici e costituzionali peculiari della persona. Stimolando l'organismo in maniera corretta, con rimedi che agiscono a livello energetico e non biochimico, questo farà il resto.

Cordiali saluti