L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 825XXX
Salve, ho fatto ieri un'ecografia perchè ormai da anni soffro di infiammazioni interne, specialmente a sinistra. E' risultato che ho una prostatite cronica, con evidenti calcificazioni... Volevo sapere un paio di cose:

1) con quali erbe posso prepararmi una tisana che faccia da antinfiammatorio alla prostata? In vari siti ho trovato questi ingredienti: Ortica, mirtillo, betulla, equiseto, uva ursina. In altri ho trovato: Epilobio, Ortica foglie, Orthosiphon, Menta pip. E in un altro ancora: Serenoa Repens e Urtica Dioica. Mi potete dare un consiglio su quale scegliere? Premetto che mi recherò in erboristeria per gli ingredienti e le tisane me le preparo io, non voglio prodotti già confezionati.

2) Circa un anno fà ho scoperto di avere una piccola ernia del disco, una protusione, una leggera spondilosi e un piccolissimo inizio di artrosi, dopo mesi di tremendi dolori sciatici. E' possibile che la condizione affinchè mi venissero tali problemi possano essere causati da questa fissa infiammazione ormai di almeno 5 anni? Così mi ha detto il mio operatore shiatsu personale, il quale mi ha praticamente fatto passare i dolori di schiena, anche se ribadisce che devo tenere sotto controllo i problemi interni per stare bene al 100%. E i dolori alla sciatica e ai glutei erano collegati con la prostatite? A me capitava spessissmo che quando avevo i glutei talmenti infiammati da non poterli neanche sfiorare, se toccavo il gluteo sentivo un dolore e bruciore tremendo alla prostata. Inoltre, è possibile, come sostiene il mio operatore shiatsu(che inoltre 5 anni fà circa mi ha fatto guarire da una scoliosi)che il fatto che io abbia il muscolo lombare/dorsale sinistro più sviluppato di quello destro dipende da questi problemi interni (causando questo anke la mia ex-scoliosi, da una posizione antalgica da me assunta)? Premetto che ho anche problemi gnatologici...

Ringrazio tutti per i consigli preziosi che mi darete

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
PERUGIA (PG)
ROMA (RM)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
dubito seriamente che si possa ottenere una remissione di una prostatite cronica o subacuta con le tisane anche se riconosco una relativa efficacia di serenoa e quercetina ma solo come coadoiuvanti di una seria terapia impostata da uno specialista ovvero farmacologica e da una impostazione diversa di alimentazione e stile di vita che forse è ancora più importante.
tenga presente che, per sua natura, la prostatite tende a NON guarire mai del tutto e che spesso si ottiene solo una remissione , a volte anche lunga, della sintomatologia che lei peraltro non descrive ma che sarebbe utile valutare.
per quanto riguarda i sintomi relativi all'ernia discale essi sono abbastanza tipici e costanti mentre la prostata , di per sè stessa , si fa viva solo quando , per dilatazione della capsula che la avvolge, il processo interessa i recettori algici. inoltre le proiezioni del dolore sono relative alla zona interessata e difficili da interpretare senza un medico. a volte dolgono i testicoli, a volte c'è un dolore sovrapubico e spesso fastidi urinari e minzioni notturne.
posso essere solo d'accordo sul fatto che la salute di un individuo non è parzializzabile. consiglio: per la prostata eviti "il fai da te", ne guadagna in tempo e denaro.
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net
www.azoospermia.altervista.org