Utente 104XXX
salve,ho 22 anni e scrivo per avere un parere circa gli interventi che ho subito.il 10 gennaio giocando ho "ruotato" il dito medio della mano destra in maniera sbagliata riportando una frattura spiroidale della falange prossimale.mi hanno detto che necessitavo di un intervento,che mi hanno effettuato dopo 6 giorni inserendo due fili.
hanno immobilizzato il dito medio con l'indice con una stecca per 30 giorni e al momento della lastra passato questo tempo mi hanno detto che la frattura non aveva ripreso quindi ho subito un secondo intervento che mi è stato effettuato il 20 febbraio.un intervento un po' doloroso e durato circa un ora e 15 minuti.il medico mi ha detto di aver inserito viti e mi ha gessato,bloccando indice medio e anulare fino al gomito quasi.mi ha detto di muovere le dita per evitare il rischio che il tendine si attacchi alla frattura.il 19 maro farò i raggi e rimozione gesso.
visto quanto accaduto precedentemente è possibile che anche questa volta la frattura non abbia ripreso?inoltre non so in che stato possa essere ora il dito visto il lungo tempo in cui è rimasto fermo e ad impatto visivo visto che ci sarà un teglio e punti e non so che aspettarmi ancora.
inoltre se stringo il medio all'indice mi sembra di avvertire qualcosa di "ferroso" che quasi mi punge e avverto un leggero bruciore.è possibile che oltre alle viti abbiano messo dei fili?come mai questo bruciore?se ci fossero dei fili come si procede per estrarli?
mi perdoni le eccessive domande ma ho molta paura di non riuscire a recuperare a pieno l'uso del dito,che è tra l'altro della mano destra.

grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. utente,
Il re-intervento su una frattura falangea è sempre un evento che prolunga i tempi di guarigione ed aumenta i rischi di rigidità articolari ed aderenze. La rieducazione diventa in questi casi un punto cruciale.
Occorrerà quindi iniziare precocemente un programma rieducativo assistito attivo e passivo "intensivo", pertanto le consiglio di iniziare già a contattare un fisioterapista che sia pronto a trattarla appena verrà rimosso il gesso. E' possibile che oltre alle viti siano stati posizionati dei fili metallici (sintesi "ibrida"). Questi sono generalmente rimuovibili mediante semplice estrazione, indolore al 100%.
Mi faccia sapere!
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la disponibilità.Non appena rimosso il gesso l'avvertirò riguardo la situzione.

grazie ancora
[#3] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Salve!
mi scuso per il ritardo con cui le rispondo ma non ho avuto disponibile il pc.
Rimosso il gesso mi hanno spiegato che ho 2 viti dentro che toglierò semmai mi faranno male.
Ho già effettuato 12 sedute di fisioterapia e devo dire che i risultati sono buoni.
Non piego ancora completamente il dito ma va molto meglio.infine il dito risulta ancora un po' gonfio ma spero possa migliorare.

Grazie comunque per la sua risposta e la sua disponibilità.