Utente 105XXX
Buongiorno, vorrei porre alla vostra attenzione il mio problema.
Circa un anno e mezzo fa si sono presentate delle macchioline di sangue nello sperma e conseguentemente a queste e‘ iniziato un percorso di analisi e visite dall‘urologo per verificare la presenza di una possibile prostatite. Vi elenco le analisi da me effettuate:
-2 volte l‘esame del PSA totale e free- nessun risultato negativo
-Ecografia prostatica transrettale- Vescica scarsamente repleta, per quanto possibile osservare a profili regolari e contenuto transonico. Prostata di dimensioni ai limiti superiori della norma( D trasv 30 mm, DAP 26.7 mm; Dlong. 30.5 mm) ad ecostruttura disomogenea per microcalcificazioni ed aree ipoecogene.
Assenza di lesioni nodulari nel mantello periferico. Limitante capsulare apparentemente continua. VVSS lievemente congeste.
-Ecodoppler vasi (1 segmento) corpi cavernosi-raggiungimento dell‘erezione efficace e persistente a 15 minuti dalla somministrazione del caverjet.
- uroflussometria - curva e indici uroflussometrici nei limiti della norma.
- esame dello sperma - nessuna presenza di infezioni
- esame delle urine - nessuna infezione.
- analisi delle feci - negativo
A parte i disturbi delle macchie nello sperma, che non si sono verificate piu‘ da un anno a questa parte, ho ancora un bruciore anale durante l‘eiaculazione, che a volte si verifica anche un‘ora dopo aver eiaculato.
Non ho preso farmaci, se non un farmaco per fortificare vene e capillari.
Questo bruciore si verfica anche in una iniziale fase masturbatoria, nel senso che nella fase di eccitazione iniziano questi bruciori prima dell‘erezione.
La mia domanda e‘ visto che l‘urologo non mi ha prescritto alcun farmaco e sostiene che non esiste alcuna prostatite, da cosa sono provocati questi bruciori anali?
Vi ringrazio per l‘attenzione.
Cordiali SAluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la presenza di goccioline di sangue nello sperma potrebbe essere sostenuta dalle microcalcificazioni prostatiche (patologia benigna e relativamente frequente). Le stesse POTREBBERO determinare ipertono(infiammazione prostatica periodica che potrebbe spiegare i sintomi che ci descrive. In questo caso un approccio farmacologico con sostanze della classe deli alfalitici potrebbe essere di giovamento.
Ne discuta con il suo Urologo.
Ci faccia poi sapere.