Utente 106XXX
Salve,
da un anno io e mio marito stiamo provando a concepire un bambino purtroppo senza successo. Dopo alcune visite andrologiche ed esami, è emerso uno stato di criptozoospermia legato a iperprolettinemia per la presenza di un macroadenoma all'ipofisi.
Ci siamo rivolti ad un endocrinologo e quest'ultimo ci ha consigliato una cura a base di dostinex (2 compresse a settimana).

Parallelamente ci siamo rivolti ad un centro infertilità per raccogliere le prime informazioni sulla pma. Qui ci hanno spiegato chiaramente che un criptozoospermico non concepirà mai naturalmente per quanto possa migliorare le sue condizioni. Ci hanno consigliato di procedere con un'icsi e con la crioconservazione del liquido seminale.

L'endocrinologo ci ha detto esattamente il contrario.

E' davvero possibile che con la cura di dostinex si possa ridurre l'adenoma e i livelli di prolattina al punto di procreare naturalmente e, in questo caso, in che tempi?

Io ho 33 anni e mio marito 32 e non vorremmo aspettare ancora un anno prima di dover ricorrere comunque alla pma.

Possibile che ci siano visioni così diverse?

Grazie infinite a chi vorrà consigliarci, a questo punto non sappiamo davvero a chi dar retta.

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettrice,
alla luce della sua età penso possa essere ragionevole verificare il trend di risposta gonadica alla terapia con Dostinex. Quando è previsto il prossimo spermiogramma di rivalutazione?
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

anch'io con il collega Pescatori, penso che la posizione più saggia da tenere sia quella di seguire attentamente l'indicazione terapeutica data dal collega endocrinologo.

Anche se non siete giovanissimi la ragionevole attesa di tre-sei mesi di terapia a volte può darci delle indicazioni terapeutiche diverse in funzione dei possibili miglioramenti che si posssono ottenere a livello del liquido seminale se si riesce a ridurre l'adenoma e quindi il tasso di prolattina presente nel sangue con la terapia indicata.

A questo proposito quale è il valore della prolattina nel sangue che presenta suo marito?

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#3] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
Gentili medici, grazie per la velocità delle vostre risposte.

Questi sono i valori delle ultime analisi:
Prolattina: 2113 mUI/L (valori confermati acnhe da analisi successive)
FSH: 2,4 UI/L
LH: 2,3 UI/L
Estradiolo: 48 pmoli/L
Testosterone: 7,5 mmoli/L

Vorremmo procedere con la cura consigliata (Dostinex) per un mese e mezzo e ripetere le analisi del sangue e del liquido seminale.

Pensate che dopo questo periodo si possano avere già delle indicazioni significative?

Grazie.

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettrice,
penso che prima di almeno tre mesi possa essere difficile verificare l'impatto della terapia sullo spermiogramma.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

lo spermatozoo che "fuorisce" oggi dalle vie seminali impiega 75-90 giorni per essere "prodotto" nei tubuli seminiferi e poi "maturare" a livello dell'epididimo e quindi, quando si segue una terapia, prima di questo periodo può essere inutile ripetere un esame del liquido seminale.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice,

io sono molto meno ottimista dei miei colleghi.
Personalmente dubito che un quadro di "criptozoospermia" possa migliorare tanto da poter consentire una gravidanza naturale. Potrebbe essere comunque importante avere i dati completi degli esami seminali.
Il consiglio di pensare di ricorrere ad un programma ICSI mi sembra sostanzialmente ragionevole pur continuando la terapia del microadenoma ipofisario prescritta dopo accurata valutazione da parte di un endocrinologo competente
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

mi sembra che un endocrinologo competetnte già vi stia seguendo e quindi, senza cercare altri referenti, seguite le sue precise indicazioni .

Per le altre considerazioni, sollevate dal collega Pozza, non metta il carro davanti ai buoi; tutto deve essere fatto a suo tempo ed in modo razionale.....

Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com