Utente 106XXX
Buongiorno. A metà febbraio ho estratto il 3.8, che era incluso. L'intervento è stato abbastanza laborioso ed è durato 45 minuti. Circa una settimana e mezzo, due settimane dopo si manifestano i seguenti sintomi:

fascicolazioni prima alla mano sinistra e poi in tutto il corpo, addormentamento delle ultime due dita della mano sinistra, formicolii alla mano sinistra, dolori forti al braccio sinistro (dolori percepiti come "affaticamento muscolare" e per lo più quando a riposo), tremori localizzati in punti variabili ma con prevalenza di area cardiaca e braccio sinitro, acufene bilaterale con prevalenza all'orecchio sinistro (l'acufene al destro è per la verità quasi impercettibile), sensazione di fastidio/indolenzimento, non molto marcata, dietro l'orecchio e dietro il collo, prevalentemente sui lati. I sintomi paiono attenuarsi e poi "riesplodono" verso la seconda settimana di marzo. Tutti i sintomi persistono ad oggi, anche se con qualche miglioramento, tranne l'addormentamento delle dita che non c'è più; si è manifestato anche un indolenzimento del braccio destro, molto più lieve di intensità di quello originario al sinistro.

Ho fatto visita otorinolaringologica, con esame audiometrico e impedenzometrico, che ha escluso qualunque patologia o danno correlati; visita neurologica, che ha escluso parimenti patologie di competenza e mi ha suggerito un esame della funzionalità temporo-mandibolare.

La domanda: è possibile che questi disturbi siano stati causati o favoriti da modifiche posturali o di altro tipo dopo l'intervento estrattivo? Se sì, quali sono i prossimi passi? Visita maxillo-facciale?

Ringrazio per l'aiuto e la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gil Patrick Vismara
20% attività
0% attualità
0% socialità
BERGAMO (BG)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
salve, da quanto da lei spiegato posso dirle che la sintomatologia riferita non è da correlare alla estrazione del dente del giudizio. una eventuale sintomatologia a livello retroauricolare o mandibolare sarebbe possibile. il resto è assolutamente scollegato.
distinti ùSaluti
Dott. Gil Patrick Vismara
[#2] dopo  
Dr. Marco Rossi
20% attività
0% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
In tutta sincerità non credo che i suoi sintomi possano essere correlati all'estrazione del dente del giudizio, specialmente visto che si trattava di un dente incluso, ovvero di un dente non in arcata, la cui estrazione non avrebbe potuto influenzare in alcun modo la sua occlusione.
I sintomi che riferisce sono abbastanza aspecifici, le consiglio di rivolgersi ad un cardiologo (visto che riferisce dolore in area cardiaca) e ad un neurologo.
distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
Le confermo che la Sua sintomatologia è ben difficilmente collegabile all'intervento subito.
Le suggerisco di rivolgersi al Suo Medico di Medicina Generale, che potrà porre le indicazioni per eventuali ulteriori consulenze specialistiche.
Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Alfredo Balestreri
24% attività
8% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Ritengo come affermata già dai colleghi che ben difficilmente tale sintomatologia possa essere correlata all'estrazione eseguita. E' necessario effettuare accertamenti ulteriori di natura cardiologica, ematochimica e neurologica per capire da dove possa derivare la sintomatologia riferita
[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile signore, mi permetto di intervenire nell'area maxillo-facciale anche se l'estrazione dentale può definirsi anche di mia competenza. Come prima cosa segua il consiglio dei colleghi che mi hanno preceduto VISITA CARDIOLOGICA. Riguardo le correlazioni tra estrazione del dente del giudizio e disturbi dell'articolazione temporo-mandibolare Le posso solo raccontare cosa faccio nel mio studio. In presenza di un'estrazione di un dente completamente incluso faccio un'approfondita visita gnatologica. Nel caso fossero presenti alterazioni (anche lievi) considero che il soggetto dovrà stare a bocca aperta a lungo (45 minuti nel Suo caso) facendo leva che si trasmette in maniera asimmetrica sulle articolazioni temporo-mandibolari. Non le modifiche del rapporto tra i denti, ma l'apertura forzata della bocca è responsabile secondo la mia esperienza del dolore. Io prima faccio il bite (se lo ritengo opportuno) poi levo il dente (o talvolta lo faccio levare)
Saluti
NB io parlo solo della mia esperienza