Utente 171XXX
salve vorrei chiedervi se l associazione di qualche psicofarmaco mi puo essere di aiuto alla malattia da reflusso gastrico e dispepsia di cui soffro da 7 anni,il vero problema so che sono i problemi gastrici che allievo con i vari esopral levopraid maloxx e porcherie varie,ma a queste mi passano dalla mente mille paure per il futuro(ho 2 bimbi piccoli)e ho paura anche di quello che mangio che mi possa far sentire male,ho fatto uso saltuariamente di xanax cp ma per poco tempo.
vi ringrazio.............
[#1] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
4% attualità
4% socialità
SERRAVALLE PISTOIESE (PT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
La copresenza di un disturbo somatico con uno stato ansioso di entità significativa non può che peggiorare, purtroppo, la situazione. E' perciò utile affrontare il problema sul doppio versante internistico-psichiatrico, chiedendo un consulto specialistico specifico ed impostando con serenità una cura idonea.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani
28% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
Dalla sua comunicazione sembra di coglire una maggiore attenzione per il suo stato psichico che per il reflusso gastro-esofageo. Più che tergiversare intorno ad un problema, è ben più utile cercare di entrare nell'ordine delle idee di poterlo affrontare per quello che è. Al momento emerge solo uno stato di ansia libera e somatizzata, lavorando su questi sintomi, aiutati da un bravo psicoterapeuta, si possono trovare "le radici" di questo stato ed uscirne definitivamente.
Cordiali Saluti
dr G. Ronzani
[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

dovrebbe riuscire a distinguere quanto il suo problema gastrico incide sulla sua ansia e viceversa.
In ogni caso sarebbe utile una valutazione psichiatrica per poter instaurare una terapia antiansia adatta alla sua condizione medica.
Il trattamento puo' essere farmacologico oppure combinato con la psicoterapia ma tale valutazione deve essere fatta dal collega al quale si rivolgera'.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it