Utente 428XXX
mio padre che ha 70 anni nel 15/03 scorso ha avuto un intervento di 3 bypass. Il post intervento è stato complicato da infezioni polmonare, sangue e reni. Adesso non ha più infezioni ma ancora non riesce a mangiare (ha il sondino nel naso), non riesce a camminare perchè non rimane in piede, passa qualche ore seduto su una sedia, ha un filo di voce per parlare. Ho chiamato un psichiatra che ha dato medicina per la depressione, fa sessioni di fono e fisio tutti i giorni ma nonostante a questo non riesce a mangiare e nemmeno stare in piede. Adesso l'otorino consiglia un'endoscopia cosa che i cardiologo non permette. Insomma, può essere tutto questo solo consequenza della depressione? I controlli sono sempre pressione 12 x 7, ossigeno 96, tutto ok. Lui ancora si trova in ospedale in Brasile, ma logicamente esiste la possibilità di contagio dentro dell'ospedale e i medici consigliano tornare a casa.
Torno alla mia domanda: è mai possibile che questo comportamento si dia per la depressione? o forse esiste qualche problema fisico che non sia stato valutato?
grazie
Katia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile sig.ra Katia, in assenza di rilievi clinici (come parametri emocromocitometrici, oltre che quelli cardiaci e respiratori) rilevabili dalla cartella clinica, il solo suo racconto non è sufficiente per confermarle o meno tale diagnosi, nè tantomeno permette di azzardare altre ipotesi cliniche. Certamente, però, suo padre ha avuto una serie di complicanze particolarmente severe che possono determinare una lunga degenza e un lento e solo parziale recupero delle funzionalità fisiche.
Saluti