Utente 713XXX
Gentili medici, desidererei ricevere un vostro parere riguardo a un'anomalia del battito cardiaco che percepisco da qualche giorno. In assenza di sforzo,mi capita più volte durante la giornata di avvertire un battito più intenso degli altri, senza che, tuttavia, si avverta una contemporanea accelerazione del battito cardiaco. E' una sensazione fastidiosa che dura un paio di secondi e che si accompagna ad una specie di "tremore" del petto, come se qualcosa venisse "scosso", qualcosa che non so identificare ma che mi dà una sensazione di "liquido". Inoltre, ho riscontrato una maggiore fatica nel salire le scale e nella corsa, attività che pratico da anni ma in maniera piuttosto incostante nell'ultimo mese. Ho 21 anni e adotto uno stile di vita abbastanza equilibrato. Un episodio del tutto simile si era verificato un anno e mezzo fa, in un periodo di forte ansia e preoccupazione, motivo per il quale, scioccamente, ho sottovalutato il problema. Adesso che vivo una situazione di assoluta calma, questo fenomeno, che non si era più presentato e che avevo addirittura dimenticato, torna in maniera più insistente di prima, con un fastidio maggiore. Andrò al più presto dal mio medico ed esporrò il problema, ma desidererei avere una vostra opinione al riguardo. Mi scuso per i termini impropri utilizzati e aggiungo che non assumo nessun tipo di farmaco da almeno cinque mesi. Grata se vorrete rispondere...
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, molto probabilmente la sintomatologia da lei riferita è quella tipica della extrasistolia isolata, una alterazione quasi sempre benigna del battito cardiaco, che è spesso osservabile nelle giovani donne e soprattutto, cosa importante, non è indicativa di particolari patologie cardiache. Si rechi, giustamente, dal suo curante, la corretta anamnesi nonchè auscultazione cardiaca, potranno escludere, e quindi definitivamente tranquillizzarla, eventuali alterazioni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 713XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite per la sua tempestiva risposta, Dr. Martino. Le auguro un buon lavoro. Cari saluti.