Utente 112XXX
ho una mia amica a cui gli è stato riscontrato un angioma allo stomaco che prima era di 22mm e adesso è diventato di 29mm.Vorrei sapere perchè invece di diminuire è ingrandito e se è una cosa di cui preoccuparsi e se puo portagli problemi.Attenfo vostra risposta GRAZIE

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile signora,

è abbastanza frequente che gli angiomi vadano incontro ad un aumento di dimensioni.

le informazioni che lei da sono estremamente scarse per poter dare altre informazioni.

bisognerebbe sapere in quanto tempo è stata vista questa evoluzione. che tipo di indagini sono state eseguite, quando è stata eseguita l'ultima.
mi faccia sapere.

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
ha fatto solo due volte l'eco al fegato e mi corrego xkè ho scritto stomaco.La prima a maggio dell'anno scorso e l'ultima questa settimana.Si è rivelato che ha un angioma di 16 mm alla milza e 29mm al fegato.In effeti come esami ha fatto solo due eco.In effetti cio che mi urge saxe visto che la mia amia ha soli 24 anni se c'è qualche cura o bisogna solo tenerli sotto controllo attraverso appunto le ecografie.Xkè poi ho letto testimonianze dovee ci sono casi in cui cresce di centimetri e li poi si interviene chirurgicamente e se e si in quale modo talora dovesse accadere.

Grazie x 'immediata risposta spero sia lo stesso x questo msg.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Il rilievo ecografico occasionale di angiomi epatici è piuttosto frequente e non impone provvedimenti particolari se non un periodico controllo.
La differenza volumetriche tra le due osservazioni non è al momento significativa e va ricontrollata.
[#4] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
in aggiunta a quello che ha detto il collega va detto che non esiste solo il trattamento chirurgico ma anche il trattamento angioradiologico di embolizzazione. il controllo ecografico è il modo meno invasivo per controllare questo tipo di lesioni.

cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Cordiali saluti a voi e grazie ancora