Utente 827XXX
Gent.li Dottori
poco più di un mese fa, a seguito di un infarto, hanno sottoposto mio padre (59 anni) ad un intervento di angioplastica e stent.
A distanza di 5 giorni hanno ripetuto elettrocardiogramma ed ecocardiogramma ed è stato regolarmente dimesso.
Nell'ultimo mese ha seguito le cure prescritte ed oggi è stato a visita di controllo e prosegue tutto bene.
Alla visita gli hanno fatto solo l'elettrocardiogramma (oltre a controllare i risultati degli esami del sangue)e gli hanno detto di tornare a cotrollo tra 6 mesi.
Però non sono molto tranquilla ad aspettare 6 mesi e vorrei sapre se mi consigliate di trovare un dottore dove andare a controllo un po' più spesso (magari tra 3 mesi) e se secondo voi ad un mese di distanza è il caso di ripetere anche l'ecocardiogramma.
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in base a quanto da lei esposto, debbo ritenere che i colleghi che hanno visitato suo padre hanno riscontrato parametri clinici ottimali per indicare a sei mesi un ulteriore controllo clinico, e ciò è senza dubbio positivo. Tuttavia, come da lei dubitato, è in genere prassi sottoporre un paziente infartuato ad un controllo ecocardiografico ad un mese e un test da sforzo ad 1-3 mesi di distanza.
Cordialmente,