Utente 113XXX
Staff di Medicitalia buongiorno
Le scrivo per chiederle un consiglio.
Ho 42 anni e da 6 o 7 anni la quantità di spema è calato, come pure la potenza con cui esce.
La difficoltà maggiore è pero' arrivare all'orgasmo.
E qusto si verifica da un po' di anni.
Durante il rapporto amoroso con la mia ragazza, con cui sto' da 3 anni e per cui provo una forte attrazione celebrale nonche' fisica ho fortissime difficoltà a raggiungere l'orgasmo.
Nonostante anche a un' ottima sintonia fiscica/sessuale ( a detta di entrambi ) e l'ottima padronanza dei muscoli vaginali della mia ragazza mi risulta quasi impossibile raggiungere l'orgasmo durante il rapporto amoroso.
Per eiauculare è necessario una energica stimolazione manuale e abbastanza prolungata, in quanto nemmeno un'ottima stimolazione orale riesce nell'intento..............
Alcuni anni fa son ansato dall'urologo e mi ha detto che aa parte alcuni calcolini alla prostata tutto era ok, e non riesco a capacitarmi di cio'.
L amia ragazza si sente "in colpa" quando invece sono io e io di conseguenza.............
Le cause?
Potrebbe essere che nonostante le compagne che ho sempre avuto, la stim olazione manuale iniziata da ragazzino e che ho sempre mantenuto, abbiano creato danni fiscii o pscicologici?
Ci sono tecniche per risolvere il mio problema, che oltre per il fatto in se è di ostacolo alla procreazione, in quanto....... ci stiamo pensando seriamente ?
nel ringraziarla la saluto cordialemente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
La difficoltà a raggiungere l'orgasmo e spesso un problema di tipo psicologico che va affontato dal sessuologo.
Le faccio un domanda, quando si masturba raggiunge più facilmente l'orgasmo?

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,consulti un andrologo esperto in quanto,aldila' degli aspetti comportamentali,una prostatite,confermata da una visita specialistica,puo' dar luogo al disagio sessuale riferito.Non e' chiaro se si riferisca alla sola eiaculazione (come credo) o anche all'orgasmo ,che e' sincrono alla eiaculazione.In buona sostanza,quando eiacula, gode?Cordalita'.
[#3] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
Dott.DE Siati e Dott.Izzo grazie mille delle risposte e per la celerità di esse!
Per rispondere alle vostre domande di approfondimento....

Dott. De Siati

domanda
"Le faccio un domanda, quando si masturba raggiunge più facilmente l'orgasmo?"

risposta
no non raggiungo più facilmente l'orgasmo. Anche quqndo mi masturbo in solitudine i tempi sono uguali, cioè lunghi, possono essere anche 10 o 15 min, prima di raggiungere la eiaculazione.

Dott.Izzo

domanda
"Non e' chiaro se si riferisca alla sola eiaculazione (come credo) o anche all'orgasmo ,che e' sincrono alla eiaculazione.In buona sostanza,quando eiacula, gode?"

risposta
si quando eiaculo godo. al di là che sia calata la quantità di sperma la vera difficolta è raggiungere l'orgasmo, ma quando lo raggiungo il piacere è sempre uguale a quando avevo 18 anni!
in effetti anni fa l'urologo, come cura a bruciori durante l'urinazione e malessere ingiunali mi aveva diagnosticato una prostatite e mi aveva prescritto degli antibiotici.
Tale prostatite potrebbe avere causato danni permanenti?

grazie ancora!


[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...permanenti non credo,ma ritengo che il quadro necessiti di terapia.Ci aggiorni dopo la diagnosi andrologica.Cordialita'.