Utente 973XXX
buon giorno, cerco di riassumere il mio problema :
ho 40 anni, sposato da oltre 20 anni. Da un punto di vista sessuale sono sempre stato abbastanza attivo, avendo erezioni mattutine, e normali al solo immaginare certe situazioni. Purtroppo, causa una vita coniugale non certo esaltante, ed una vita sessuale ancora meno, ho praticato molto spesso la masturbazione, con stimolazioni visive, non avendo io fino a 5 mesi fa mai tradito mia moglie. cinecque mesi fa, non cercando, ho conosciuta una donna, molto piu giovane di me, e con la quale ho voluto capire se eisteva altro al di la della vita che facevo, anche e soprattutto a livello sessuale. La prima volta siamo andati in un motel, io enormemente anzioso, sono venuto quasi subito, ma dopo un po' tornata una erezione decente sono riuscito a soddisfarla. Lei è molto esigente in campo sessuale, cosi ho, forse stupidamente, provato ad usare il viagra per soddisfarla completamente. Con ovvio e pieno successo. Da allora non ho piu smesso di assumere viagra quando dovevamo incontrarci. Per un paio di mesi la mia capacità sessuale di erezione è rimasta uguale, Anzi l'intrigo con lei mi eccitava e riuscivo ad avere erezioni al pensiero. Poi però forse i sensi di colpa per la famiglia, forse il coinvolgimento emotivo ,mi sono accorto che adesso non ho piu erezioni spontanee mattutine, che sensa l'uso del viagra ho erezione se stimolato ma non la trattengo e il pene si affloscia quasi subito .. questo mi spaventa enormemente ed accrescie la mia nazia anche perchè vorrei ridurre o smettere l'assunzione del viagra, e riuscire ad avere raporti analoghi ma solo con le mie forze, visto anche l'enomre coinvolgimento sentimentale che sta accadendo con questa persona, che non sa che utilizzo questo mezzo per soddisfarla. Nel frattempo, per capire quello che mi stava succedendo, ho intrapreso una percorso psicoterapeuta, che minaccia di essere lento e lungo ... mi trovo quindi n questa situazione di empasse e non so cosa fare !! che suggerimenti potete darmi ?? l'incapacità a trattenere l'erezione puo essere "curata" ? come posso ritornare sessualmente capace sensa usare il viagra ?? mille grazie per le risposte ..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
da quanto ci scrive sembrerebbe che alla radice del suo problema vi siano fondamentalmente cause emotive: un insieme di ansia da prestazione, timore del giudizio, sensi di colpa, coinvolgimento emotivo, eccetera...
Nella sua situazione vedrei indicato innanzitutto una valutazione andrologica, che ponga eventualmente indicazione ad eventuale percorso psicosessuologico. Ma per quanto riguarda quest'ultimio aspetto leggo che lei ha già di suo intrapreso un percorso psicoterapeutico.
[#2] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per la pronta risposta ..si .. l'ho intrapreso.. anche se questo aspetto non l'ho ancora evidenziato piu di tanto .. visto che stiamo "lavorando" anche su altro .. ho cmuncque deciso di parlare chiaramente anche di questo aspetto con il terapeuta .. nel frattempo, le sedute sono una a settimana ed il tempo passa .. come è meglio che mi comporti ?? cioè posso far qualcosa di altro e collaterale a quanto gia faccio ??
grazie
[#3] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2009
... mi sembra in sintesi di avere una sorta di dipendenza da questo farmaco che aggiunto al cario di stress ed anzia che ho dentro mi trasformi in un impotente ... e dire che in passato ho avuto forme di anzia e stress molto forti, pensi che saltavo sul letto, avevo crampi, non dormivo, ma derivati da enormi problemi di lavoro ... ma problemi di erezione non ne avevo ! sono molt preoccupato ovviamente...
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

certo che può intrapprendere percosi diversi ma paralleli e finalizzati soprattutto a risolvere il suo problema.

Uno di questi percorsi è quello indicatole già dal collega Pescatori di consultare un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com