Utente 117XXX
Buonasera,mio padre nall'aprile 2006 è stato operato al polmone destro per un carcinoma squamoso,non ha potuto fare chemioterapia perchè gli dava gravi effetti collaterali,nel dicembre2007 una biopsia al fegato ha rilevato 4 piccole lesioni di metastasi dal polmone,agosto 2008 una tac con MDC ha rivelato lesioni al cervello nella parte posteriore ed anteriore della corteccia celebrare,frontalmente e lateralmente al cranio,è stato trattato con 3 radioterapie,l'ultima tac,maggio2009 ha rilevato, oltre al liquido che inizia a comprimere nella zona del cervello ed alcune piccole lesioni parenchimali polmonari,incremento numerico e dimensionale delle plurimefocalità interessanti entrambi i lobi del fegato con diametro trasverso massimo di 4 cm in corrispondenza del 6° segmento.Cosa vuol dire,che il fegato è quasi tutto preso dalla malattia?Gentilmente mi può dire da un manimo ad un massimo quanti mesi gli resta da vivere?In attesa di una sua risposta cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
il fegato risulta interessato da numerose metastasi distribuite in ambedue i lobi di cui è composto e questo rappresenta una compromissione diffusa. Tuttavia spesso il fegato sano che residua intorno alle metastasi mantiene la capacità di compensare il danno mantenendo una funzione non molto alterata per un certo tempo.
Purtroppo nel caso di suo padre, tra un fegato che potrebbe a breve non riuscire a mantenere la sua funzione (cosa che è sempre seguita da una rapidissima compromissione di tutto l'organismo), tra metastasi multiple cerebrali (sia pur irradiate ma ora di nuovo con segni di ipertensione intracranica) e tra metastasi polmonari multiple che possono evolvere verso l'insufficienza respiratoria, non è facile dire quale sede diventerà critica per prima.
Non è giusto che un medico, per giunta via Web, senza aver visto da vicino il quadro clinico e radiologico, si arroghi il diritto di dare sentenze, bisogna tuttavia ammettere che una o più delle sedi di malattia che le ho elencato possono far precipitare la situazione anche in tempi brevi.
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio per la gentilezza e la delicatezza con cui mi ha resposto il dott.Barbieri.