Utente 118XXX
Salve sono un ragazzo di 18 anni e non riesco ad avere una buona erezione.Fin da ragazzino ho sempre avuto erezioni quasi istantanee e con un angolatura di 45 gradi quando guardavo film porno e mi masturbavo.Tempo fa ho cominciato ad avere erezioni di 90 gradi nella masturbazione.Io sono il classico ragazzo timido e introverso con pochi amici e non ho ancora avuto esperienze.Mi sono fatto un gran problema ma di questo "calo" e devo ammettere che più mi preoccupavo e più la situazione peggiorava fino a non avere quasi più un'erezione.Devo dire anche che nel periodo in cui è cominciato il problema ho avuto problemi personali ma non pensavo che mi avessero influenzato così tanto.Ho pensato anche di essere gay anche perchè per me i ragazzi non sono mai passati completamente inosservati e a 10 anni un capezzolo mi stava crescendo come un seno ma poi si è sgonfiato.Da quando ho cominciato a pensare ai maschi la mia erezione è migliorata un po' e ora sono sempre più confuso. Ci tengo a sottolineare che le ragazze mi sono sempre piaciute. I miei amici sono sempre allegri e hanno cominciato ad avere le loro prime esperienze,io invece non ho quasi più un erezione.Ma si può fare sesso con un'erezione di 90 gradi?Io l'ho sempre avuta a 45!Forse i miei problemi personali mi hanno influenzato e dovevo accontentarmi e magari ora non avrei questi problemi?Possibile che mi sia autoconvinto di essere gay? cioè considerando il problema avuto a 10 anni,forse ho avuto una specie di tendenza ormonale ma con i miei complessi l'ho peggiorata? So che questa può sembrarvi una lettera stupidissima ma vi prego aiutatemi non so a chi rivolgermi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
lasci perdere quelle misurazioni, vinca la timidezza e vada da collega per la visita di rito, assolutamente necessaria ed imprescindile in questi casi. I timidi fanno fatica a passare alla azione, e questa è l' occasione per cominciare.
[#2] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile ragazzo,
immagino quanto sia difficile per te questo momento, segnato dalla confusione.

Intanto partiamo da una considerazione: la sessualità non andrebbe misurata (tanto meno con un goniometro!!) poichè ogni rapporto (vero o masturbatorio) è diverso dall'altro, influenzato ad esempio dallo stress o dalle condizioni ambientali.

La sessualità per te oggi è un problema: non sai bene cosa ti eccita, hai diverse paure, per cui come puoi pretendere di avere un'erezione "perfetta"?

Secondo me puoi fare due cose:

1- aspetti, lasci passare l'estate, periodo dove normalmente ognuno di noi si rilassa un po' di più, e vedi cosa succede in autunno

2- non aspetti, per non lasciare che l'ansia aumenti troppo. In questo caso ti consiglio di richiedere una consulenza psicologica: devi chiarire alcune cose, non credi? Questo ti permetterà di vivere meglio la tua sessualità.

Puoi seguire anche in questo caso due vie:

a) ti cerchi un terapeuta privato, possibilmente specializzato in terapia cognitivo comportamentale oppure psico-sessuologia

b) ti rivolgi (gratuitamente) ad un Consultorio Familiare della tua zona per un colloquio psicologico

Un'ultima cosa: se te la senti parlane prima col tuo medico

Non aver paura, vedrai che troverai presto una soluzione
[#3] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per i consigli. Avevo pensato di lasciar passare l'estate e poi vedere in autunno cosa succede, ma senza impegno perchè forse sto dando troppo peso alle cose... magari mi passerà da solo così come mi è venuto, ma non sono sicuro. Comunque non ho detto che mio padre è il mio medico.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

sempre in questi casi il rischio è di sottovalutare un problema che se ben affrontato all'inizio ha delle semplici risoluzioni quindi, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua giovane età, approfitti di questo "disturbo", per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
segua il consiglio del caro collega Beretta, prenda il tioro per le corna e vada. Rimandare vuol dire cercare di dimenticare.
[#6] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
Grazie sempre per i consigli. Io avevo pensato di aspettare perchè ho considerato il mio carattere e il fatto che non so assolutamente a chi rivolgermi.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il suo carattere: ci lavori su, a chi rivolgersoi a caserta: consulti ns. indirizzario o qiuello della società italiana di andrologia. Se desidera un consulto a livello pubblico senta il suo medico di base, se desidera privato conosco personalmente il dr. Izzo.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
ci farebbe cosa gradita a me ed a tutti colleghi che hanno partecipato al forum da lei aperto farci sapere qualche cosa circa gli sviluppi futuri. Su questo thread.
[#9] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la vostra disponibilità. Per adesso non mi sento pronto a parlare con qualcuno... preferirei aspettare ancora un po'; però proverò a vedere come contattare qualcuno.