Utente 106XXX
Il 1 marzo sono stata ricoverata in chirurgia all’Ospedale di
Rovigo per coliche addominali(con dolore epigastrico e vomito)dopo una settimana sono stata dimessa,ma persistevano il dolore localizzato nella parte dx e la febbricola(37,5°).Il 09marzo sono stata rivista dal primario di gastroenterologia che ha ribadito la sua previsione di flogosi appendicolare,di comune accordo abbiamo deciso di consultare un altro chirurgo all’ospedale di Adria.Questo chirurgo ha richiesto anche un consulto ginecologico e secondo il primario di ginecologia poteva trattarsi di flogosi ginecologica(secondo me era l’intestino che rendeva fortemente dolente la parte pelvica e non viceversa).Il 10 marzo sono stata ricoverata nel reparto di ginecologia,dopo aver fatto una TAC con metodo di contrasto(richiesta dal chirurgo per escludere la possibilità di appendicite)ho manifestato reazione allergica con bruciore e gonfiore interno alla gola e arrossamento cutaneo,mi è stata fatta subito una fiala intramuscolo di bentelan da 4 mg e dopo circa due ore(quindi senza attendere che il mio corpo smaltisse il metodo di contrasto)mi sono state iniettate tramite flebo 3 antibiotici(gentalyn, totacef e metrodinazolo)che hanno fatto ricomparire la reazione allergica.Alla sera mi hanno fatto di nuovo una flebo di totacef che ha fatto ricomparire la stessa reazione allergica e così anche la mattina seguente nonostante sia stato cambiato l’antibiotico (metronidazolo).Ovviamente io avevo avvertito delle reazioni avute.Nei giorni seguenti ho manifestato mal di gola, gonfiore al palato molle e gonfiore dei linfonodi laterali del collo e delle ghiandole salivari del palato.Una ecografia ha evidenziato 3 linfonodi ingrossati di circa 1,5 cm ed alcuni inferiori ad 1cm.Questa reazione dei linfonodi continua a persistere a distanza di tempo.Il 1 aprile mi è venuta fuori anche la candida,il medico mi prescrive diflucan(fluconazolo),alle 18:30 ho assunto la compressa e alle 21:30 avevo il torace pieno di macchie rosse,la guardia medica mi ha fatto una fiala da 1,5 di bentelan.Le reazioni allergiche mi creano difficoltà a deglutire e a volte anche a respirare.Il 3 giugno ho avuto un'altra colica,dopo qualche giorno, visto che il dolore persisteva il mio medico mi ha consigliato di andare al PS:
-analisi del sangue ok(globuli bianchi circa 7000, PCR<0,1, VES nella norma) -eco addome tutto ok ma appendice non visibile
-consulto chirurgico:non appendicite acuta e non indicazioni chirurgiche urgenti
-consulto ginecologico con eco interna tutto nella norma
Il giorno dopo mi trasferiscono in chirurgia per laparoscopia esplorativa, consulto il gastroenterologo e si opta per colonscopia in sedazione profonda che non rileva nulla(neanche il ceco risulta arrossato),esame istologico rileva edema e lieve infiltrazione linfo-plasmacellulare anche in aggregazione nodulare superficiale e profonda della lamina in colon trasverso e discendente.
Può trattarsi di appendicopatia cronica?
Può essere colite ulcerosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Che dire..quel che è certo è che è sicuramente allergica a diversi farmaci e probabilmente non ha l' appendicite che in genere è un processo acuto. Detto questo, le ipotesi sono diverse e solo chi la segue personalmente puo' ipotizzare altre diagnosi tra le quali la colite ulcerosa sembra poco probabile visto l' esito della colonscopia. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
Adesso i chirurghi vogliono intervenire in laparoscopia per rimuovere l'appendice perchè ipotizzano un'appendicopatia cronica, ma io sono molto incerta sul da farsi perchè mi sembra si brancoli nel buio ed un intervento chirurgico non è una passeggiata.
Tuttavia io continuo ad avere dolore, anche se non intenso, alla parte destra, in particolare all'altezza della valvola ileo-cecale, a destra dell'ombelico e verso l'inguine.
Non ho febbre, mentre l'altra volta era sempre persistente però ho un gonfiore addominale molto anomalo che aumenta col passare delle ore (indipendentemente dall'alimentazione) e che già dal pomeriggio provoca un addome molto teso e dolente alla palpazione.
Il mio medico di base dice che nonostante non sia stato rilevato nulla dalla colonscopia l'esito istologico fa pensare ad un inizio di retto colite ulcerosa (malattia che ha anche mio padre), mentre il chirurgo ha ritenuto completamente trascurabile l'esito.
Io vorrei sentire altri pareri, ma vorrebbe dire ricominciare tutto dall'inizio e non so se valga la pena.
E poi mi chiedo se una colite di questo tipo possa provocare coliche, gonfiore addominale e dolore localizzato nella parte destra.
[#3] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2009
Volevo anche chiedere è possibile effettuare l'appendicectomia in anestesia locale o epidurale?