Utente 231XXX
La persona a riguardo della quale vorrei porre alcuni quesiti è una donna di 27 anni che all' età di 7 anni durante una ospedalizzazione ha contratto un'epatite di tipo B, per la quale è stata anche in pericolo di vita, e che successivamente è apparentemente guarita e non ha presentato piu' sintomi.

Quello che vorrei chiedere è:

E' possibile che sia una portatrice sana? Con probabilità bassa o alta?

Quale test clinico è possibile fare per accertarlo?

Se fosse portatrice sana potrebbe trasmettere il virus tramite rapporto sessuale e trasmetterlo anche ad un'eventuale figlio da lei concepito? E cio' con probabilità alta o bassa?

Grazie per l'attenzione.
[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Lo stato immune dell'epatite B (e aggiungiamoci la C, per doverosa prudenza)puo' essere facilmente accertato con esami del sangue che ogni medico di famiglia conosce e chiede routinariamente.

Si vanno a vedere i marcatori immunologici e gli enzimi epatici. In caso di guarigione senza sequele la persona avra' antigene HBSAg negativo, anticorpo HBSab positivo, altri marcatori negativi, transaminasi basse,

In caso diverso ci sono una serie di algoritmi per inquadrare la situazione.
[#2] dopo  
Dr. Renato Santoro
24% attività
0% attualità
0% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Gentile Utente, da quanto lei riferisce dovrebbe trattarsi di una paziente che ha in passato sofferto di epatite virale acuta da virus B (fulminante?)poi guarita. Come già detto dal Dr Bianchi, l' attuale condizione della paziente (guarigione, stato di portatrice inattiva, epatite cronica) può essere facilmente diagnosticato con esami di laboratorio eseguibili presso qualsiasi laboratorio analisi. Per sua tranquillità le ricordo che un' epatite virale acuta da virus B guarisce nel 95% dei casi circa. Nessun problema per eventuali gravidanze, vista la obbligatorietà della vaccinazione anti epatite B nell'infanzia (al 3° mese la prima dose, da anticipare eventualmente alla nascita se la signora dovesse risultare positiva alla ricerca del virus). Cordialità. Dr Renato Santoro