Utente 120XXX
Salve, sono un ragazzo di 16 anni (a dicembre 17) e purtroppo ho un affollamento nell'arcata inferiore. Il dentista, prima di iniziare il trattamento con l'apparecchio, mi ha detto che dovrò per forza farmi estrarre i denti del giudizio inferiori per due motivi:
- Potrebbero creare problemi al lavoro dell'apparecchio in quanto potrebbero "spingere" tutti i denti guastando tutti il lavoro.
- Perchè sono cresciuti in orizzontale. In pratica, dalla radiografia si vede chiaramente come le radici dei denti del giudizio siano rivolte verso le guance, mentre le corone dei denti sono verso l'interno della bocca.

Siccome i denti non sono ancora spuntati, ha detto che dovrò fare un intervento che consisterà nell'incidere le gengive e andare alla ricerca dei denti. Per farlo ha detto che si affiderà ad un chirurgo esterno e lo farà in due volte (una per ogni dente).

Soffrendo già di sindrome vaso-vagale, potete immaginare il mio terrore già dopo aver visto alcuni video (su YouTube) che mostrano l'incisione e l'estrazione. Volevo sapere se soffrendo di questa sindrome sarebbe meglio operarmi in ospedale o dal dentista? Inoltre, quali rischi ci sono e quanto dura l'intervento? I denti vengono estratti con le pinze o viene trapanato l'osso per rimuoverli? Se svengo durante l'intervento che succederebbe? Mi portano in rianimazione?

Ringrazio in anticipo per le risposte, arrivederci.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gent Paziente
-se le radici sono sviluppate completamente la forza di spinta è venuta meno
-se interferiscono nella cura ortodontica corretto pensare all'estrazione
-l'estrazione deve essere effettuata da persona esperta in chirugia e lo può fare sia in ambiente ambulatoriale che ospedaliero
- la durata dipende dalle difficoltà tecniche e dall'esperienza di chi le esegue
- i denti inclusi spesso vengono tagliati durante l'intervento e ovviamente l'osso viene prima fresato ( eliminato ) dopo sezione gengivale
-se sviene durante l'intervento non succede nulla se chi la opera è pronto alla situiazione e dovrà ovviamente fermarsi e trattare la situazione; sono situazioni che capitano talvolta in chirurgia
- in conclusione se il suo timore è elevato il consiglio è di afferire a struttura pubblica
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Marco Capozza
40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Parli con il suo dentista dei suoi timori, compresa la possibilità di svenire.
Non è una buona idea vedere i video di chirurgia. Le situazioni cliniche sono variabili ed anche le tecniche, in sintesi ansia inutile.
Generalmente non c'è differenza tra struttura pubblica e privata, anche se preferisco la seconda. Se è consigliata l'anestesia totale probabilmente è invece un problema di spesa differente.
Cosa intende per sindrome vaso-vagale nel suo caso?
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Innanzi tutto grazie per le risposte.

Al Dr. Finotti: Si ma se il chirurgo si ferma poi dovrà ripetere l'anestesia perchè nel frattempo svanirà, giusto?

Al Dr. Capozza: Per sindrome vaso-vagale intendo che in presenza di forti emozioni quali possono essere ansia, agitazione, forte dolore, eccetera svengo.
Mi è capitato già diverse volte e ormai so capire quando sto per svenire: aumenta la sudorazione (fredda), viene un forte ronzio nelle orecchie e l'udito scompare del tutto, inizio a vedere le immagini sfocate e a respirare male (talvolta vado in apnea)...nel giro di alcuni secondi perdo del tutto i sensi.

Per quanto riguarda l'anestesia totale vorrei evitarla non per il prezzo (tanto paga mio padre!) quanto perchè fa male e ci vuole più tempo per riprendersi.

Qualcuno sarebbe anche gentile da dirmi che tipo di complicazioni potrebbero verificarsi?

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
-solitamente lo "svenimento" non richiede incremento anestesiologico
-potrebbe fare la sedazione che sicuramente permette un miglior controllo emotivo
-le complicanze possono essere correlate alla posizione, orientamento e rapporti con le strutture vicine ( denti e fibre nervose ) ma questo senza rx non possimao saperlo
[#5] dopo  
Dr. Marco Capozza
40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Se il suo dentista lo ritiene opportuno le può prescrivere un ansiolitico. Anche la sedazione (non si addormenta completamente)può essere una buona soluzione.
saluti
[#6] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Ho caricato l'RX panoramica per farvi vedere: http://img24.imageshack.us/img24/4826/scansione0001q.jpg

Sul referto dell'RX c'è scritto "Disodontiasi di 38 e 48". Ma che cos'è la "disodontiasi"? Ho provato a cercare, ma non ho trovato nulla.

Grazie ancora per la vostra disponibilità.

P.S.: Se volete vi fornisco anche il link per il telecranio.
[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
il 38 e 48 non sono erotti ( comparsi in arcata ) e mal orientati ( mal posizionati )