Utente 123XXX
Salve, mia madre sa di essere affetta da connettivite indifferenziata da 7 anni e inizialmente le avevano detto che questa malattia non è ereditaria, però ora, a seguito di alcuni miei esami del sangue alterati come la ves che ha raggiunto valori anche molto alti, mi stanno sottoponendo a tante visite di controllo. è possibile che abbia anch'io questa malattia? Come mi devo comportare? Ho già fatto visite reumatologiche e mi hanno detto che devo stare sotto controllo perchè dagli esami si capisce che "c'è qualcosa che si sta muovendo". Quali altre visite potrei fare? Ho 17 anni e sono un po' spaventata all'idea di star male come mia madre. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Come si a dire quali "altre" visite fare, se sappiamo che ne ha fatte tante, ma non ci dice quali...

La VES e' aspecifica e da sola non spiega niente, puo' associarsi a cose che vanno dal ciclo mestruale all'artrite reumatoide giovanile.

La stessa diagnosi di connettivite indifferenziata della mamma in realta' e' una diagnosi provvisoria in attesa di vedere se il quadro clinico evolve verso qualcosa di piu' definito.

[#2] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Salve ancora, l'ultimo foglio di dimissioni di mia madre dice: connettivite indifferenziata, vasculopatia cerebrale cronica, positività per anti-HCV, epatopatia steatosica di grado moderato-severo, lieve enfisema polmonare. Mentre gli esami del sangue che non vanno bene sono: fatt. antinucleo presente>1/40 pattern: speckled assente, anticorpi anti poli-ena antigene Sm: assente, antigene Sm/RNP:assente, antigene Ro (SS-A): assente, antigene La (SS-B): assente, SCL-70: assente, JO-1: assente, VES: 25, MCV: 71.5, MCH: 24.1, RDW: 14.3.