Utente 793XXX
ho 45 anni, peso 89 kg per una altezza di 167. (peso in parte aumentato dai cortisonici degli ultimi anni)
Da più di un anno ho i battiti del cuore, a riposo, superiori a 90 al minuto.
allo stesso tempo scoprii di avere l'anemia, la ferritina era a 1,3 e l'emoglobina a 7.
mi è stato prescritto dapprima del ferrograd affiancato poi da dell'adido folico ma ad oggi i valori non si sono stabilizzati.

mesi fà dopo aver fatto l'amore svenni;
dopo aver ripreso i sensi vomitai e solo quando cominciai a sudare mi sentii meglio.
il medico mi prescrisse una visita cardiologica con eletrocardiogramma, e un test da sforzo.

il cardiologo non trovò "niente" : solo dopo aver stilato il referto mi disse che c'erano i battiti alti per l'emozione... io gli dissi che non era per l'emozione ma che era da un anno che ho i battiti sopra i 90; ma lui non aggiunse altro!!!

il test da sforzo, dopo tre mesi di attesa, non volevano più farmelo quando sentirono che avevo l'asma. (da allergia)
e per questo iniziale rifiuto ho il sospetto che non l'abbia neppure eseguito fino in fondo; inoltre invece del ciclo usava un tapirulant; che ha portato ad una pendenza del 12%.

al termine ha scritto "test negativo" sul tabulato... ma all'infermiera, che gli aveva chiesto il motivo rispose per "lipotomia da sforzo".

il mio medico mi ha poi spiegato che il mio cuore quando aumenta l'attività ha difficoltà a tornare a riposo.
riposo si fa per dire visto la mia usuale frequenza.
il mio medico però non mi ha indirizzato più avanti.

da cosa dipende questa frequanza così alta?
che esami dovrei fare?

inoltre (non so se è attinente) al pomeriggio devo coricarmi altrimenti dormo in "piedi"; se prendo il caffè (che non uso bere) mi fa superare il pomeriggio ma col rischio di passare la notte in bianco.
ultimamente alla pianta dei piedi provo a giorni un fastidio insopportabile: non è ne prurito ne formicolio da intorpidimento circolatorio (o come si dice).

non posso fare sforzi prolungati perchè mi viene l'affanno; addirittura una volta mi è successo di rischiare lo svenimento solo per essere stato un pò accoccolato a sistemare dei libri nella libreria; quando mi son alzato in piedi, lentamente perchè le gambe cominciavo a non setirle, son dovuto uscire a prendere aria e a bere dell'acqua fresca a piccoli sorsi per abbassare la temperatura: di colpo avevo cominciato a sudare.

cosa mi succede?
grazie
p.s. non bevo e non fumo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente: il battito cardiaco ha una frequenza normale quando essa e' compresa tra 60 e 100, per cui 90 battiti possono ancora considerarsi normali. Tanto piu' in una donna tendenzialmente anemica. A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
vuoi dire che 100 battiti al minuto a riposo sono da considerarsi normali?
anche solo a camminare sento il cuore che mi schizza fuori.

p.s.
sono un uomo e l'anemia è uscita fuori da un anno e mezzo.
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Che fosse donna lo avevo letto erratamente nella scheda che compare ad ogni utente;
Che l'anemia fosse uscita fuori da un anno e mezzo lo dice solo dopo la mia risposta alla sua richiesta.
Confermo comunque che per definizione si parla di tachicardia quando la frequenza supera i 100 battiti per minuto.
Se la sua anemizzazione è stata corretta (e gli accertamenti cardiologici sono come lei scrive ) risultati negativi (la prova da sforzo al tapis roulant è correttamente eseguibile con questo attrezzo)la tachicardia puo' dipendere dal peso eccessivo (nella sua scheda compare un'altezza di 165 cm con un peso di 85-90 Kg). Utile ancora un dosaggio degli ormani tiroidei.
A disposizione per ulteriori consulti
[#4] dopo  
Utente 793XXX

Iscritto dal 2008
all'inizio della mia richiesta avevo detto che da più di un anno ho i battitti superiore a 90 e "allo stesso tempo scoprii di avere l'anemia".

e per quanto riguarda il peso:
prima con quel peso avevo i battiti nella norma, come ho detto: "Da più di un anno..."

quindi il peso è una concausa che esacerba la mia condizione di OGGI ma ci deve essere qualcosa d'altro: a me sembra come se avessi TROPPA adrenalina in corpo: a volte la notte non dormo e resto sveglio del tutto e non rintronato come quando si è stanchi; ne parlai con il mio medico ma non mi prescrisse nessuna analisi.

chiederò al nuovo medico questo controllo del -dosaggio degli ormani tiroidei- che mi consigli...
anche se forse qualcosa del genere mi è stato fatto quando l'oculista mi fece ricoverare in Neurologia per un principio di diplopia: mi fù fatta anche una TAC alla gola, ma non evidenziò niente di attinente alla loro ricerca;
mi dimisero con una diagnosi di "miastenia oculara".

grazie.
[#5] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Mi scusi ma quando mi dice che un anno fa le è stata diagnosticata l'anemia e non mi dice che nel frattempo le è passata come faccio a saperlo. Se poi non le fosse passata allora le confermo che potrebbe essere una delle possibili cause della sua presunta tachicardizzazione.
Mi spiace di trovare in lei un tono un po' polemico.
Se ritiene inutili le mie risposte ( me lo faccia sapere), stia tranquillo che non ne riceverà piu'.
Se invece volesse continuare nel consulto con me le chiedo solo di fornirmi tutte le notizie per poterle essere di aiuto.
Saluti