E’ stata approvata finalmente, prima dall’americana Food and Drug Administration (FDA) ed ora anche dalla Commissione Europea (CE), la commercializzazione dell’Avanafil, un nuovo inibitore delle fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5i) tanto per capirci un farmaco della stessa famiglia del Sildenafil, cioè il Viagra.

Sarà una ditta farmaceutica italiana quella destinata a compiere questa operazione commerciale.

Avanafil
Molecola dell'Avanafil

L’Avanafil era già in produzione ma fino ad ora non si era potuto commercializzare, almeno alle nostre latitudini.

Il nuovo farmaco, da un punto di vista farmacodinamico, ha un’azione più rapida, cioè un tempo d’inizio attività intorno ai 35 minuti, ed un’emivita di 60-90 minuti.

In alcuni studi preclinici sembra che la somministrazione contemporanea di Avanafil e di Nitrati sia meno problematica rispetto all’uso combinato con il Sildenafil mentre gli effetti collaterali sono sempre quelli già conosciuti e cioè mal di testa, vampate al viso, crampi muscolari.

Altri studi indicano un possibile impiego di questo farmaco quando si ha un disturbo dell’erezione e la presenza contemporanea di alcune cardiopatie, oppure dopo una prostatectomia radicale o in presenza di una iperglicemia.

 

Per approfondire:

http://www.medicitalia.it/news/2202-avanafil_un_nuovo_farmaco_contro_i_deficit_dell_erezione.html

http://www.medicitalia.it/minforma/Andrologia/1234/Nuove-terapie-emergenti-nel-trattamento-della-disfunzione-erettile-DE