Lo spermatozoo non mangia la soia

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 25 gennaio 2015Ultimo aggiornamento: 06 febbraio 2015

L’assunzione di isoflavoni, attraverso l’assunzione di soia è correlata ad un ridotto indice di fertilità.

Questo dato conosciuto nel mondo animale non è ancora ben codificato per l’uomo.

Ricercatori dell’Harvard School of Public Health  hanno studiato questa correlazione, associando appunto l’assunzione di cibi a base di soia alla modificazione di alcuni parametri spermatici.

Nello studio sono stati arruolati 99 uomini cui sono stati fatti assumere 15 cibi a base di soia nei precedenti 3 mesi. E’ stata osservata un’associazione inversa tra l’assunzione di soia e la concentrazione degli spermatozoi.

In media il gruppo di uomini che aveva assunto cibi a base di soia presentava uno spermiogramma con un ridotto numero di spermatozoi, circa 41 milioni di meno.

La relazione inversa tra assunzione di cibi a base di soia e la concentrazione spermatica era più pronunciata tra gli uomini in sovrappeso o obesi. Morfologia degli spermatozoi e volume dell’eiaculato risultavano invece nella norma.

Non dimentichiamoci tra l’altro che i fitoestrogeni contenuti nella soia sono sempre stati considerati nemici negli sport di resistenza in cui si cerca sempre di massimizzare la quantità di androgeni presenti in circolo.

 

Fonte:

Soy food and isoflavone intake in relation to semen quality parameters among men from an infertility clinic
Jorge E. Chavarro,1,2,7 Thomas L. Toth,3 Sonita M. Sadio,4 and Russ Hauser3,5,6
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2721724/

 

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

5 commenti

#2
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Biagiotti è un grande esperto ( da cui ho molto da imparare ) . Onestamente e pubblicamente faccio anche io il tifo per lui.

#3
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

In effetti lo studio riportato di dedicava all'eccesso dell'uso della soia.
Anche Biagiotti l( vero cultore della materia ) fortunanatamente lo scrive nel suo articolo :

" Peccato che troppi estrogeni, almeno nei maschi, non facciano un gran bene, né alla salute né alla libido e meno che meno agli spermatozoi."

Speriamo di non scatenare discussioni, di cui non posso che essere attento spettatore.
Un caro saluto e buona giornata ( a me oggi tocca una risonanza della prostata, alcune volte siamo anche pazienti !!! )

#4
Dr. Salvo Catania
Dr. Salvo Catania

Se entrambi facciamo il tifo per Biagiotti è di scarsissima utilità per l'utente, che fa il tifo per i propri spermatozoi. Forse sarebbe più utile dire che sia più valido lo studio presentato da Biagiotti, tenendo conto, come lui stesso precisa, che vale sempre in Medicina il principio di Paracelso subito ben interpretato dal popolino con il >>troppo stroppia>>, che non vale solo per i fitoestrogeni ma persino per il vino. Un buon bicchiere di vino al giorno per il suo contenuto in resveratrolo è un buon antitumore, ma purtroppo una damigiana al giorno non si può considerare un buon antitumore.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche fertilità 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati