Spermatozoi vecchi di 50 milioni di anni scoperti in Antartide

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 18 luglio 2015

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

 

Questa è la sensazionale scoperta, fatta per caso nella penisola Antartica da un gruppo di ricercatori di varie nazionalità: svedesi, italiani e argentini e presentata in questi giorni con un lavoro scientifico, pubblicato sulla rivista della Royal Society: "Biology Letters".

Gli spermatozoi, è noto, hanno vita breve e strutture anatomiche che con difficoltà sopravvivono al di fuori delle vie genitali sia maschili che femminili e quindi trovare queste cellule in un fossile, antico per giunta di circa cinquanta milioni di anni, è un evento veramente eccezionale.

 

Immagini al microscopio elettronico di spermatozoi fossili vecchi di 50 milioni di anni. 

 

Il materiale biologico in questione, che ha per l'appunto 50 milioni di anni, è costituito dal bozzolo di un vermiciattolo della classe dei Clitellati, vermi che vivono generalmente nelle acque dolci, in terreni umidi o in ambienti vicini ai litorali.

I ricercatori, analizzando questo bozzolo trovato, hanno scoperto, utilizzando un potente microscopio elettronico ed un acceleratore di particelle capace di esaminare le strutture interne, resti perfettamente conservati di liquido seminale con relativi spermatozoi.

 

 

Diagramma che illustra le possibili modalità di fossilizzazione dell'accoppiamento dei vermi clitellati 

 

L’ipotesi, formulata dagli studiosi, a questo punto, è che durante un accoppiamento avvenuto nell’eocene, secondo periodo geologico dell'era cenozoica, compreso tra i cinquantotto e i ventisette milioni di anni fa, il liquido seminale e quindi i suoi spermatozoi sono rimasti intrappolati nel bozzolo fossilizzato conservandosi così per decine di milioni di anni.

 

Fonte: http://rsbl.royalsocietypublishing.org/content/11/7/20150431.article-info

 

Altre informazioni:

http://www.medicitalia.it/news/andrologia/4720-spermatozoi-antichi-mondo.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

5 commenti

#1
Utente 348XXX
Utente 348XXX

Magari sono ancora fecondi?

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Fossilizzati così... difficile, dovremmo riuscire a recuperarne il DNA ma credo sia un'impresa al momento titanica!

#3
Utente 348XXX
Utente 348XXX

Ma sì, infatti... la mia era una semplice battuta di spirito. buona estate a lei, ditt. Beretta!

#4
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Comunque, oltre ad una battuta, a suo modo anche una domanda interessante!

#5
Utente 348XXX
Utente 348XXX

Volendo, sì. alla prossima!

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche spermatozoi 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati