Carni rosse cancerogene? Calma e sangue freddo

Dr. Giulio BiagiottiData pubblicazione: 24 ottobre 2015

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

A dar retta a quello che si legge sui titoli dei giornali in tema di alimentazione ce ne sarebbe abbastanza per correre in farmacia a far scorta corposa di antidepressivi se non di antischizofrenici.

Orbene, poniamo il caso che un convegno di esperti di alimentazione faccia due conti di tipo epidemiologico. Di fronte ai dati statistici viene fuori che il cancro del colon è in aumento.

Gli esperti di alimentazione, per la maggior parte anglosassoni, pensano a quello che hanno mangiato a colazione, bacon-eggs, e a quello che hanno mangiato a pranzo, un bell’hamburger che essendo abbastanza insipido di suo era condito con pancetta grigliata. Ci ponzano un po’ sopra e si deprimono. La depressione però va condivisa per cui niente di meglio che passare all’ufficio stampa un trafiletto secondo cui, probably, sottolineo il termine anglosassone che in italiano diventa “probabilmente”, le carni “processed” ovvero carni lavorate andrebbero messe nel calderone dei cancerogeni di cui aver paura.

Imputati sono il sale, i composti chimici aggiunti per evitare che le carni scuriscano, l’affumicatura e i grassi che friggendo in padella si denaturano abbastanza da risultare se non pericolosi almeno difficilmente digeribili.

La notizia, ghiotta, rimbalza, al solito, come la pallina matta e sui titoli di qualche blasonata testata si legge che le carni rosse sono sotto accusa come le sigarette e l’asbesto.

Il lettore medio che, proprio in quel momento, stava mangiando un saporito panino col salame quasi si strozza e sputa tutto. Poi si fa due conti e si dice tutto considerato potrebbe passare al formaggio vegetale e a quegli hamburger di non-carne-ma-che-sanno-di-carne risolvendo il problema.

L’incauto però non sa, ma solo perché non lo ricorda, che neanche tanto tempo fa un simile allarme era stato dato riguardo la composizione di questi che contengono proteine della soya, funghi prataioli, agar e sostanze chimiche che ne rendono il sapore quasi accettabile. Anche allora, dopo l’iniziale clamore mediatico sugli endocrine-disruptors presenti, qualcuno si rese conto che l’allarme era stato dato per “ probably”.

Studi successivi stabilirono che “probabilmente” era sempre la dose che faceva il veleno, ovvero che se ci si abbotta di pancetta affumicata e di hamburger vegani qualche serio mal di pancia lo si rimedia.

Se, invece, tutta questa storia la si rilegge in chiave di marketing strategico si potrebbe arguire (sgamare) che “ probabilmente” c’è una lotta tra produttori di carne e quelli della soya per la conquista di qualche fetta di mercato.

Cosa c’entra in un blog di un andrologo quanto sopra?
C’entra. L’alimentazione squilibrata azzanna la produzione e la qualità degli spermatozoi. Probabilmente, evitare gli eccessi di uno o di un altro alimento aiuta coloro che sono alla ricerca del figlio che non arriva. Non sarà risolutivo ma vuoi vedere che una mano la dà?

 

Autore

giuliobiagiotti
Dr. Giulio Biagiotti Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso Università di Perugia.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Perugia tesserino n° 4114.

5 commenti

#1
Dr. Alessandro Scuotto
Dr. Alessandro Scuotto

Sono assolutamente d'accordo con il tuo commento. In particolare con "era sempre la dose che faceva il veleno".
In ambito nutrizionale (spesso anche in quello farmacologico) l'effetto biologico della somministrazione di alimenti (e dei loro componenti isolati) è rappresentata graficamente da una curva a J (J-slope effect) nella quale si evidenzia, rispetto a un punto zero, un intervallo di quantità per cui vi è un beneficio e un successivo dosaggio nel quale aumentano progressivamente i rischi.
Questo vale per l'alcool, e anche per le vitamine. Figuriamoci per una dieta monotona!!

#2
Utente 277XXX
Utente 277XXX

Finalmente un medico che fa una GIUSTA informazione contro l'assurdo terrorismo psicologico che fanno i giornali,specie contro i cibi più saporiti, una forma di neoascetismo senza religione, che vuole imporre a tutti una insipida quanto poco salutare dieta vegana.

la dose fa la differenza tra il rimedio e il veleno: Omnia venenum sunt: nec sine veneno quicquam existit. Dosis sola facit, ut venenum non fit.

Basta avere una deita variegata,e la carne non è cancerogena, al massmo lo sono gli additivi chimici che mettono dentro.


L'uomo è nato onnivoro, si è evoluto per mangiare carne,frutta e vegetali, di certo non sarà un alimento naturalissimo,che siamo abituati a mangiare da MILIONI DI ANNI che può farci del male.

#5
Utente 348XXX
Utente 348XXX

Sono le quantità che fanno la differenza. mangiare di tutto e variegato, ma con moderazione. io, poi, amo la buona cucina casereccia, quindi, traete voi le vostre conclusioni

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche carne 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati