infertilita-maschile

Infertilità maschile: sempre più le cause genetiche

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 27 dicembre 2020

La spermatogenesi compromessa è la causa più comune di infertilità maschile. I difetti quantitativi - ovvero l'oligo/azoospermia - possono andare di pari passo con i difetti qualitativi della motilità e della morfologia degli spermatozoi, mentre questi possono verificarsi anche nei casi con un normale numero di spermatozoi.

Nella spermatogenesi insufficiente sia quantitativa che qualitativa, le cause genetiche aumentano con la gravità del fenotipo: ad esempio, l'azoospermia e soprattutto il sottotipo di arresto meiotico è chiaramente una malattia genetica.

Opportunamente, è stato descritto un numero in costante aumento di geni associati [1]. Allo stesso modo, la causa genetica può essere identificata negli uomini con motilità e/o morfologia gravemente e specificamente compromessa. La prima è geneticamente sovrapposta alla discinesia ciliare primaria (PCD), mentre la seconda è riconosciuta come entità fenotipica di MMAF - Anomalie morfologicamente multiple del flagello spermatico.

Per molti anni, le analisi di delezione cromosomica e AZF sono state gli unici test genetici applicati frequentemente. Tuttavia, questi forniscono solo il 20% circa delle diagnosi negli uomini azoospermici e il 4% circa in tutti gli uomini nelle coppie infertili.

In effetti, la genetica dell'infertilità maschile è rimasta indietro rispetto a quasi tutti gli altri campi.

Fortunatamente, la maggiore applicazione di analisi genetiche su larga scala innescata dallo sviluppo del sequenziamento di nuova generazione (NGS) è ora arrivata anche in Andrologia.

Come tale, il sequenziamento dell'esoma ha recentemente portato alla continua scoperta di geni associati a spermatogenesi alterata.

Ora, questi risultati insieme alla tecnologia NGS (esoma o sequenziamento del pannello genico) dovranno essere tradotti nel contesto diagnostico.

[1] Andrology

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infertilita-maschile 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati