Fibrillazione atriale trattamento

I trattamenti per la fibrillazione atriale: ultime evidenze tra farmaci e ablazione

Dr. Andrea Angelozzi Data pubblicazione: 08 agosto 2022

La fibrillazione atriale (FA), la più frequente aritmia cardiaca, è caratterizzata da un’attività atriale rapida e caotica, con perdita della contrazione degli atri. Tale perdita di contrazione rallenta il flusso del sangue con il rischio di formazione di trombi. Ovviamente, se questi trombi si distaccano, possono occludere le arterie causando un’embolia arteriosa periferica o, quando ciò si verifica in corrispondenza di un’arteria del cervello, possono provocare un infarto cerebrale (ictus).Da questa ragione la conseguente necessità di terapia anticoagulante cronica. Inoltre, è noto da tempo che i pazienti con fibrillazione atriale sono più inclini ad essere ospedalizzati e ad avere episodi di scompenso cardiaco.

Cosa fare in caso di fibrillazione atriale?

Quando il cardiologo visita un paziente con fibrillazione atriale deve perseguire innanzitutto due obiettivi:

  • Controllo delle condizioni predisponenti (ad esempio ipertensione arteriosa, obesità, abuso di alcolici, disturbi tiroidei, disturbi gastrici, etc).
  • Prevenzione del tromboembolismo arterioso, attraverso l'uso di anticogulanti.

Dopo aver fatto ciò, il cardiologo ha di fronte a sé due strade:

  • Controllo del ritmo: cercare di eliminare la fibrillazione mediante farmaci e procedure di ablazione, ripristinando il normale ritmo cardiaco (ritmo sinusale)
  • Controllo della frequenza: cercare di “rallentare” il battito cardiaco, mantenendo la fibrillazione atriale.

Terapia della fibrillazione atriale: cosa dicono gli studi?

Precedenti studi, tra cui bisogna citare in particolare l’AFFIRM, non hanno dimostrato un chiaro beneficio di una strategia rispetto all’altra. Per questo motivo, per molti anni i due approcci sono stati considerati come equivalenti. Negli ultimi anni tuttavia la situazione è cambiata, spostandosi a favore di una strategia di controllo del ritmo.

In particolare, il recente studio EAST-AFNET 4 ha dimostrato come una strategia di controllo del ritmo precoce, ovvero iniziata rapidamente dopo la diagnosi di fibrillazione atriale (< 1 anno), sia superiore nel migliorare gli esiti cardiovascolari tra i pazienti con questo tipo di aritmia. Quindi cercare di “eliminare” precocemente la fibrillazione atriale ripristinando il normale ritmo sinusale, sia mediante farmacia sia con ablazione, è la strategia da perseguire nei pazienti con recente diagnosi di FA.

Come possiamo spiegare questa differenza di risultati rispetto ai precedenti studi?

Una delle differenze più importanti è tra le popolazioni studiate: in particolare, l’insorgenza recente di fibrillazione atriale (diagnosticata ≤1 anno prima) nell’EAST-AFNET 4 rispetto a fibrillazione persistente di più “vecchia data” negli studi precedenti.

Il tessuto atriale, una volta instauratasi la fibrillazione atriale, va incontro ad un “rimodellamento elettrico” e “strutturale”, cioè a modificazioni delle caratteristiche elettrofisiologiche e strutturali del miocardio atriale verso la fibrosi. Mantenere a lungo la fibrillazione atriale crea un circolo vizioso negativo, quindi rendendo progressivamente più difficile eliminare l’aritmia. Tale concetto è riassunto dalla frase “AF begets AF”, ossia “la fibrillazione atriale facilita la fibrillazione atriale”.

In conclusione, in base ai dati della letteratura, è possibile affermare che la strategia di controllo del ritmo (volta all’eliminazione della fibrillazione atriale) risulti preferibile quando il paziente presenti sintomi attribuibili all’aritmia; inoltre, con l’obiettivo di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari una strategia di controllo del ritmo andrebbe perseguita precocemente dopo il primo riscontro di fibrillazione, ovvero senza rimandare a una fase tardiva in cui il rimodellamento atriale è già avanzato.

Per approfondire:La fibrillazione atriale asintomatica

Autore

angelozzi.andrea
Dr. Andrea Angelozzi Cardiologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2016 presso Università Politecnica delle Marche - Cardiologia.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Teramo tesserino n° 3165.

4 commenti

#1
Utente 657XXX
Utente 657XXX

Il bisoprololo nei riguardi della F.A che ruolo svolge ?
Controllo del battito cardiaco o della regolarità del ritmo ?

#2
Dr. Andrea Angelozzi
Dr. Andrea Angelozzi

Il bisoprololo è un beta-bloccante, farmaco utile nel controllo della frequenza ("rate control")

#3
Utente 657XXX
Utente 657XXX

La ringrazio .

#4
Utente 657XXX
Utente 657XXX

Dimenticavo, ottimo articolo , ho la F.A ed ora ho una visione completa dei problemi da considerare.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche fibrillazione atriale 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Cardiologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati