Melanoma anale

Attenzione al melanoma anale!

Dr. Andrea Favara Data pubblicazione: 10 ottobre 2011 Ultimo aggiornamento: 16 dicembre 2020

Il melanoma anale è un tumore raro: costituisce circa l’1% di tutti i melanomi che vengono diagnosticati ed è più comune nelle donne di età intorno ai 60 anni.

Sintomi del melanoma rettale

La sintomatologia non è specifica e all’esame obiettivo si può osservare una zona scura che, tuttavia, può essere confusa con un gavocciolo emorroidario trombizzato o un ematoma perianale. Può essere presente sanguinamento così come in patologie benigne più comuni anorettali.

Diagnosi

Melanoma anale

La diagnosi di questo tipo di tumore della pelle è tutt’altro che semplice. Spesso viene posta incidentalmente su tessuto anorettale asportato in corso di intervento eseguito per patologia emorroidaria o di altra natura, quando il tessuto asportato viene esaminato dall’anatomopatologo.

Quando viene diagnosticato il melanoma anale frequentemente è già metastatico e le aspettative di sopravvivenza scarsa.

Prognosi e terapia chirurgica

La prognosi, purtroppo, è pessima nonostante un'adeguata terapia chirurgia curativa con intento radicale: questa può consistere in una escissione locale oppure in un'amputazione addomino perineale radicale con confezionamento di colostomia definitiva.

La sopravvivenza media è di 20 mesi e non è influenzata dall’ampiezza dell’asportazione, è più comune invece che si presentino recidive locali dopo asportazione limitata.

Il fattore prognostico più significativo è lo stadio, ovvero lo spessore del tumore, così come la presenza di metastasi a distanza.

I risultati della chemioterapia sono modesti.

Come riconoscere il melanoma anale?

In conclusione, appare importante sottolineare come individuare questa patologia richieda necessariamente un esame istologico di eventuale tessuto anale asportato per qualsiasi ragione. È consigliato eseguire sempre questo tipo di esame dei tessuti asportati durante interventi chirurgici per patologie benigne anorettali, quali emorroidi, marische o polipi.


Autore

andreafavara
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Universita' Studi Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 31610.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche melanoma 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Colonproctologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test

Altro su "Melanoma"