Ambiente e salute dei capelli

Dr. Giampiero GriselliData pubblicazione: 29 settembre 2014

La cura della capigliatura passa anche dal nostro stile di vita, che può certamente incidere significativamente.

L'abitudine al fumo, o a frequentare ambienti in cui si è esposti al fumo passivo, sono certamente tra le cause di possibili cadute dei capelli, nonchè del loro incanutimento.

Le numerose  sostanze tossiche inalate, e i radicali liberi aggressivi che arrivano alla cute, insieme a sostanze ad azione vasocostrittrice, peggiorano il ciclo pilare, riducendo l'energia all'interno di esso.

Insieme al fumo di sigarette vanno considerati i tossici ambientali,quali lo smog e le polveri sottili, che si depositano sui capelli. Corretto quindi proteggerli quando possibile, ed effettuare lavaggi di pulizia con maggior frequenza, se si vive in aree o posti di lavoro "inquinati".

Una eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti è parimenti da sconsigliare, anche se in questi casi i danni sono più limitati al fusto del capello, che vede lesioni dei suoi strati più esterni, secchezza, o in casi più gravi, fatti infiammatori perifollicolari.

Abbiamo detto eccessiva, perchè una esposizione moderata è invece utile per molti aspetti.

Una maggiore attenzione a questi aspetti è data dall'incremento delle c.d. lozioni protettive "presun" capillari, che altro non sono che ...antisolari per capelli!  Altri danni al fusto potrebbero derivare anche dall'uso di phon troppo caldi, caschi asciuganti, piastre, etc.

Evitare anche le legature di capelli troppo strette e tirate.

Ovviamente sempre utile il consiglio del risciacquo dopo il bagno in piscina, per allontanare l'eccesso di cloro, decisamente aggressivo. e successivamente l'uso di uno shampoo adatto, possibilmente scelto in funzione dello stato del proprio cuoio capelluto.

Negli atleti non si proscrive certamente lo shampoo quotidiano, ma di sicuro questo dovrà essere scelto e utilizzato in accordo al proprio cuoio capelluto, ed alla azione detergente dello stesso.

Si privilegeranno i prodotti che lavano per affinità e non per contrasto.

Il successivo discorso verterebbe sulla alimentazione... ma ce ne occuperemo in un secondo tempo!

 

 

Autore

giampierogriselli
Dr. Giampiero Griselli Dermatologo, Medico estetico

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1990 presso bologna.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Ferrara tesserino n° 3231.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche calvizie 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati