Nuove speranze per la Calvizie con i Fattori di Crescita Follicolari

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 14 gennaio 2019

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Le Terapie rigenerative per i follicoli piliferi stanno confermando le grandi premesse sperimentali. Anche la nostra esperienza lo conferma

Introdotte recentemente nella terapia di base per la Calvizie (Alopecia Androgenetica maschile e femminile), sono divenute in breve tempo, un baluardo insostituibile del protocollo terapeutico.

Come funzionano?

Come alternativa promettente al trattamento tradizionale, i fattori di crescita follicolari ( FGF ) sono di norma utilizzati per favorire la crescita dei capelli attraverso il rilascio di fattori di crescita endogeni e citochine. 

sotto l'acronimo (FGF Follicular Growth factor) intendiamo appunto racchiudere tutti quelle sostanze, aventi altissimo profilo di tollerabilità e sicurezza, scevri da effetti collaterali, in grado di alimentare la fase di crescita (anagen) del capello ed invertire quindi il noto processo di miniaturizzazione che la Calvizie comporta.

Oltre al ripristino dei capelli , le capacità multifattoriali dei Fattori di crescita follicolari, possono essere utilizzate anche per il trattamento di invecchiamento della pelle, cicatrici facciali e acne. 

Lo scopo di questa recensione è di esaminare criticamente il successo del PRP nel campo della dermatologia, con particolare attenzione al ruolo dei fattori di crescrita nella ricostruzione dei capelli

Come si effettuano?

In pazienti con alopecia androgenetica (AGA), la somministrazione di queste microinfiltrazioni, effettuate senza ricorso ad anestesia e mediante piccolissimi aghi mesoterapici (32 gauge) 1-2 volte al mese, ha mostrato una maggiore efficacia rispetto agli studi effettuati con placebo.

 

Risultati:

La misurazione tricoscopica dalla variazione della densità totale dei capelli ( capelli / cm 2 ) e del diametro medio, associata alla valutazione dei segni tricoscopici di calvizie associati al fusto e agli osti follicolari, durante il periodo di trattamento, ha dato mediamente una differenza notevole per quanto attiene alla ridensificazione dell'area esaminata (25,61, IC 95% - da 4,45 a 46,77). 

 

Gli Studi controllati suggeriscono e la nostra esperienza su centiania di pazienti, dimostra che un ciclo di 6 sessioni di FGF con terapie e procedure tradizionali (assieme alla terapie sistemiche, topiche e con Laser a bassa fluence) può aiutare a migliorare i risultati estetici. 

 

Dr. Luigi Laino, Resp, Centro Latuapelle a Roma

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

3 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.