x

x

Colon irritabile rimedi naturali

La risposta naturale al colon irritabile

Prof. Bruno Silvestrini Data pubblicazione: 24 gennaio 2023

Il colon irritabile, o sindrome dell'intestino irritabile, è l’affezione più frequente in gastroenterologia, con conseguenze negative che si riverberano sulle capacità lavorative e sui rapporti sociali, oltre che sul tono dell’umore e sul benessere psico-fisico. In assenza di conoscenze precise sulle sue cause, il trattamento è circoscritto al controllo dei sintomi, tipicamente costituiti da stipsi, diarrea, crampi, dolore, ansia e altre turbe mentali.

Eppure, qualcosa si sta muovendo. L’attenzione è stata recentemente puntata su un fattore patogenetico cruciale, costituito dal deterioramento del velo fisiologico che normalmente protegge e nutre la mucosa enterica. Il suo ripristino costituisce la risposta naturale al colon irritabile anticipata nel titolo.

Se ne parla in questo articolo. La prima parte riepiloga, anche attingendo a Medicitalia, i tratti distintivi di questa patologia (1-6). La seconda ne illustra il fattore patogenetico cruciale e il rimedio che se ne è ricavato. Per inciso, quest’ultimo non viene nominato per motivi insiti nel codice deontologico di Medicitalia. La terza si sofferma sul moderno farmaco naturale, inteso come paradigma della rinnovata alleanza tra Homo sapiens e natura (7).

Un’affezione multifattoriale

Cos'è il colon irritabile?

Secondo il dizionario medico Merriam-Webster, il colon irritabile è un “disturbo cronico funzionale, caratterizzato principalmente da costipazione, diarrea, crampi e dolori addominali”.

Nei paesi occidentali ne soffrono tra il 10 e il 20 per cento della popolazione giovanile e adulta, soprattutto femminile. La prima descrizione risale al 1950 (8), ma da allora è stata incessantemente rielaborata in termini di patogenesi, diagnosi e trattamento.

Allo stato dei fatti, la patogenesi più accreditata è che il colon irritabile sia legato a più fattori:

  • stati di stress,
  • predisposizione genetica,
  • episodi infettivi pregressi,
  • allergeni alimentari,
  • discrasie neurovegetative,
  • squilibri della flora intestinale,
  • processi infiammatori, ecc.

Come fare la diagnosi di colon irritabile?

La diagnosi ha un carattere funzionale, secondo il principio della Scala di Likert che definisce una malattia in base all’atteggiamento del paziente e ai sintomi che egli riporta (9). Per esempio, si distingue un colon irritabile stitico, diarroico, alternante, doloroso e così via.

Come si cura?

Il trattamento del colon irritabile ha finora avuto un carattere eminentemente sintomatico, mirato su ciascuna delle sue manifestazioni. Ne offrono un esempio i lassativi in genere e la loperamide (10), impiegati rispettivamente nella forma stitica e diarroica. Un altro esempio è fornito dagli antinfiammatori ad azione antalgica, che alleviano il dolore e migliorano il tono dell’umore (11-12). Purtroppo, essi sono gravati dal danneggiamento della mucosa insito nel loro meccanismo d’azione, che ne sconsiglia questo impiego (13-17).

Il trattamento del colon comprende inoltre ansiolitici, antidepressivi, diete ricche in fibre o prive dei saccaridi e polioli fermentabili (FODMAP) e molto altro ancora.

Nessuno di questi trattamenti è curativo, né incide sul decorso della malattia. Qualcosa, tuttavia, si sta muovendo.

Rimedi naturali per il colon irritabile

Nel corso del trascorso ventennio, le ricerche si sono focalizzate sul processo infiammatorio a carattere distrofico della mucosa, che contraddistingue questa patologia esponendo il viscere all’azione algogena e patogena degli agenti irritanti contenuti nel cibo e nel microbiota (18-31).

La manifestazione più evidente di questo processo è la microfessurazione del velo mucoso che normalmente riveste il colon, proteggendolo dalle aggressioni e favorendo la rigenerazione dei sottostanti tessuti con i nutrienti generati dalla sua disgregazione. Queste nozioni hanno per la prima volta dato corpo all’idea di un fattore patogenetico cruciale circondato dalla variegata costellazione dei sintomi e delle manifestazioni del colon irritabile. Il rimedio naturale qui di seguito descritto mira alla ricostituzione del velo fisiologico che normalmente riveste la mucosa del colon.

A questo fine si è fatto ricorso all’associazione di tre ingredienti naturali, dotati sotto questo profilo di proprietà sinergiche e complementari: il Collagene, lo Psillio e il Lino.

Il collagene

Il Collagene idrolizzato forma in presenza di acqua un colloide, che riproduce le proprietà fondamentali del muco enterico: da un lato protegge la mucosa, dall’altro si disgrega liberando aminoacidi e peptidi essenziali per la sua rigenerazione (32-34).

La potenza dell’effetto barriera è stata documentata facendo cadere goccia a goccia l’acido cloridrico su una membrana metallica e registrando, come misura dell’effetto protettivo, il tempo di perforazione. Il collagene blocca la corrosione dell’acido cloridrico meglio della membrana metallica (35).

Per quanto riguarda l’azione nutrizionale, basta ricordare che il collagene è il terreno preferenziale delle cellule coltivate in vitro. Si tenga presente, inoltre, che le suddette proprietà hanno fin qui trovato un documentato impiego in una patologia analoga sotto il profilo distrofico, ma sintomatologicamente più severa: il bruciore di stomaco (36). Va rilevato che lungo il tratto digestivo il collagene tende a disgregarsi: pertanto, nel primo tratto di questo percorso prevale l’effetto protettivo, nel secondo quello nutrizionale.

Lo psillio

Lo Psillio (Plantago afra) è costituito dalla fibra cuticolare, che forma una mucillagine capace di rivestire e lenire la mucosa dolente e irritata (36-39). La sua prerogativa è di alleviare i sintomi sia della stitichezza, sia della diarrea non dissenterica (40). È Inoltre costituito da una emicellulosa poco digeribile, che esercita un effetto protettivo più protratto del collagene, senza produzione di gas (41).

Presenta un rischio di allergie, ma limitato agli addetti alla sua lavorazione soggetti al contatto e all’assimilazione di quantità molto elevate. Va aggiunto che l’uso protratto di Psillio riduce I livelli ematici del colesterolo e, nel diabete di tipo 2, del glucosio (42-44).

Il lino

Il Lino (Linum usitatissimum) è impiegato sotto forma di farina integrale del seme. La parte fibrosa si rigonfia, partecipando all’effetto barriera del collagene e dello Psillio. La parte interna completa l’azione nutritiva del collagene idrolizzato, aggiungendo ai suoi aminoacidi gli Omega 3, 6 e 9 dei quali è ricco (45-47). Anche al Lino viene attribuita sia un’efficacia contro la forma diarroica e stitica del colon irritabile, sia un’azione anti dislipidemica (48, 49).

In definitiva, la risposta naturale al colon irritabile consiste nella ricostituzione del velo fisiologico che riveste la mucosa enterica e delle proprietà che lo contraddistinguono. Mentre i grandi della Terra discutono di Green Economy, questo piccolo rimedio per il colon irritabile lancia un segnale preciso, tratto da un documento del Consiglio d’Europa fin qui rimasto allo stadio di proposta: “mantiene, sostiene e ottimizza una funzione fisiologica”, rappresentata dal velo naturale che riveste la mucosa enterica proteggendola dal colon irritabile (50).

Il ritorno alla natura

Il rimedio annunciato in questo articolo non appartiene ai medicinali.

È un integratore alimentare volto a “mantenere, sostenere o ottimizzare un parametro fisiologico”, rappresentato dalla protezione offerta dal velo fisiologico che normalmente riveste la mucosa enterica. In altre parole appartiene nel suo piccolo ai farmaci, tipicamente rappresentati dalle vitamine, che prevengono e curano le malattie causate dalla loro mancanza.

Contiene ingredienti naturali, dotati di una storia che, letta con attenzione, fornisce le conoscenze necessarie per il loro impiego medico senza bisogno di complicate, costose e protratte indagini precliniche e cliniche. Il modello di riferimento contemporaneo è rappresentato dalla soluzione idrosalina inserita dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che ha salvato dalle dissenterie più malati dei chemioterapici e degli antibiotici.

Purtroppo, questa classe di farmaci è stata infangata da una miriade di prodotti privi di basi scientifiche. Se ne distinguono per l’autorevolezza degli studi che ne comprovano l’efficacia. In questo caso sono cinquanta, ma se ne sarebbero potuti citare almeno altrettanti.

Bibliografia

  1. Pacini M. Colon irritabile. Medicitalia, 08 10 2010.
  2. Quatraro F. Colon irritabile o Sindrome dell’Intestino Irritabile: quali le cause e come fare la diagnosi. Medicitalia, 06 11 2013.
  3. Quatraro F. Colon Irritabile o Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS): quale terapia e quale dieta seguire. 07 11 2013.
  4. Cosentino F. Pancia gonfia? Colon irritabile? La dieta FODMAP può essere una soluzione. Cosentino F. Medicitalia. 10 11 2013.
  5. Costantino F. Colon irritabile. .. o altro (intolleranze, SIBO, LGS, ecc.)? Medicitalia, 30 04 2016.
  6. Warschauer EG. Celiachia, non colon irritabile. Medicitalia, 13 02 2011.
  7. Silvestrini B. Il farmaco moderno. Un patto esemplare tra uomo e natura. Carocci Editore, 2014.
  8. Brown PW. The irritable bowel syndrome. Rocky Mountain Medical Journal. 1950;47 (5): 343–6).
  9. Joshi A, Kale S, Chandel S and Pal DK. Likert Scale: Explored and Explained. British Journal of Applied Science & Technology. 2015;7(4): 396-403.
  10. Efskind PS, Bernklev T, Vatn MH. A double-blind placebo-controlled trial with loperamide in irritable bowel syndrome. Scand J Gastroenterol. 1996:31(5);463-8.
  11. Barbara G, Stanghellini V, Cremon C et a Aminosalicylates and other anti-inflammatory compo for irritable bowel syndrome. Dig Dis. 2009;27 Suppl 1: 115–120.
  12. Klotz U. The pharmacological profile and clinical use of mesalazine (5-aminosalicylic acid). Arzneimittel-Forschung. 2012;62 (2): 53–8.
  13. Ricciotti E, FitzGerald GA. Prostaglandins and inflammation. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2011 May;31(5):986-1000.
  14. Hawkey CJ. Non-steroidal anti-inflammatory drug gastropathy: causes and treatment. Scand J Gastroenterol Suppl. 1996; 220:124-7.
  15. Laine L. Nonsteroidal anti-inflammatory drug gastropathy. Gastrointest Endosc Clin N Am. 1996 Jul;6(3):489-504.
  16. Johansson H, Lindquist B. Anti-Inflammatory Drugs and Gastric Mucus. Scandinavian Journal of Gastroenterology 1971;6(1):49-54.
  17. Fromm D. How do non-steroidal anti-inflammatory drugs affect gastric mucosal defenses? Clin Invest Med. 1987;10(3):251-8.
  18. Talley NJ, Spiller R. Irritable bowel syndrome: a little understood organic bowel disease? Lancet. 2002; 360:555–564.
  19. Barbara G, De Giorgio R, Stanghellini V, Cremon C, Corinaldesi R. A role for inflammation in irritable bowel syndrome? 2002;51 Suppl 1:41–44.
  20. Törnblom H, Lindberg G, Nyberg B, Veress B. Full-thickness biopsy of the jejunum reveals inflammation and enteric neuropathy in irritable bowel syndrome. Gastroenterology. 2002; 123:1972–1979.
  21. Barbara G. Mucosal barrier defects in irritable bowel syndrome. Who left the door open? Am J Gastroenterol. 2006 Jun;101(6):1295-8.
  22. De Giorgio R, Barbara G. Is irritable bowel syndrome an inflammatory disorder? Curr Gastroenterol Rep. 2008; 10:385–390.
  23. Shulman RJ, Eakin MN, Czyzewski DI, et al. Increased gastrointestinal permeability and gut inflammation in children with functional abdominal pain and irritable bowel syndrome. J Pediatr 2008;153(5):646–50.
  24. Öhman, L., Simrén, M. Pathogenesis of IBS: role of inflammation, immunity and neuroimmune interactions. Nat Rev Gastroenterol Hepatol 7, 163–173 (2010).
  25. Matricon J, Meleine M, Gelot A, Piche T, Dapoigny M, Muller E, Ardid D. Review article: Associations between immune activation, intestinal permeability and the irritable bowel syndrome. Aliment Pharmacol Ther. 2012; 36:1009–1031.
  26. Vivinus-Nébot M, Dainese R, Anty R, Saint-Paul MC, Nano JL, Gonthier N, Marjoux S, Frin-Mathy G, Bernard G, Hébuterne X, et al. Combination of allergic factors can worsen diarrheic irritable bowel syndrome: role of barrier defects and mast cells. Am J Gastroenterol. 2012; 107:75–81.
  27. Martínez C, Lobo B, Pigrau M, Ramos L, González-Castro AM, Alonso C, Guilarte M, Guilá M, de Torres I, Azpiroz F, et al. Diarrhoea-predominant irritable bowel syndrome: an organic disorder with structural abnormalities in the jejunal epithelial barrier. Gut. 2013; 62:1160–1168.
  28. Hyland NP, Quigley EM, Brint E. Microbiota-host interactions in irritable bowel syndrome: Epithelial barrier, immune regulation and brain-gut interactions. World J Gastroenterol 2014;20(27):8859–66.
  29. Shulman RJ, Eakin MN, Czyzewski DI, et al. Increased gastrointestinal permeability and gut inflammation in children with functional abdominal pain and irritable bowel syndrome. J Pediatr 2008;153(5):646–50.
  30. Chira A, Chira RL, Dumitrascu, DL. Inflammation as a Potential Therapeutic Target in IBS. In: Chaban, V. Editor. Irritable Bowel Syndrome - Novel Concepts for Research and Treatment [Internet]. London: IntechOpen; 2016 https://www.intechopen.com/chapters/52921 doi: 10.5772/66193.
  31. Palsson OS, Peery A, Seitzberg D, Amundsen ID, McConnell B, Simrén M. Human Milk Oligosaccharides Support Normal Bowel Function and Improve Symptoms of Irritable Bowel Syndrome: A Multicenter, Open-Label Trial. Clin Transl Gastroenterol. 2020 Dec;11(12):e00276.
  32. Silvestrini B, Innocenti M, Perrotta, A, Cheng CY. Physiopathology and treatment of collagen carential disease. Minerva Med. 2021. 112;403-404.
  33. Silvestrini B, Cheng CY, Innocenti M. 2022, Collagen Involvement in Health, Disease, and Medicine, in N. Mazumder, S. Chakrabarty (eds.), Collagen Biomaterials, IntechOpen, London. 10.5772/intechopen.101978.
  34. Silvestrini B and Silvestrini M. 2022, Medical implications of the relationships among protein denaturation, necrosis and inflammation. An intriguing story. IntechOpen, London. In press.
  35. Silvestrini B, Silvestri R, Cheng CY, Ceracchi M, Innocenti M. A method to measure the barrier effect of drug and its application in the study of hydrolyzed collagen. Agro Food Industry Hi Tech. 2021;32(3):12-16.
  36. Silvestrini B. Un farmaco naturale contro il bruciore di stomaco e le sue sequele. 12 01 2017. Bijkerk CJ, Muris JW, Knottnerus JA, Hoes AW, de Wit NJ. Systematic review: the role of different types of fibers in the treatment of irritable bowel syndrome. Aliment Pharmacol Ther. 2004; 19(3): 245-51.
  37. Bijkerk CJ, de Wit NJ, Muris JW, Whorwell PJ, Knottnerus JA, Hoes AW. Soluble or insoluble fibre in irritable bowel syndrome in primary care? Randomised placebo-controlled trial. BMJ. 2009;339:b3154.
  38. Moayyedi P, Quigley EM, Lacy BE, Lembo AJ, Saito YA, Schiller LR, Soffer EE, Spiegel BM, Ford AC. The effect of fiber supplementation on irritable bowel syndrome: a systematic review and meta-analysis. The American Journal of Gastroenterology. 2014; 109 (9): 1367–74.
  39. Magdy El-Salhy, Synne Otterasen Ystad, Tarek Mazzawi, and Doris Gundersen. Dietary fiber in irritable bowel syndrome (Review). Int J Mol Med. 2017; 40(3): 607–613).
  40. Slavin J. Fiber and prebiotics: mechanisms and health benefits. Nutrients. 2013 Apr 22;5(4):1417-35.
  41. Fischer MH, Yu N, Gray GR, Ralph J, Anderson L, Marlett JA. (2004) The gel-forming polysaccharide of psyllium husk (Plantago ovata Forsk). Carbohydr Res. 2004 Aug 2;339(11):2009–17.
  42. Williams PG. The benefits of breakfast cereal consumption: a systematic review of the evidence base. Adv Nutr. 2014 Sep 15;5(5):636S-673S.
  43. Jovanovski E, Yashpal S, Komishon A, Zurbau A, Blanco Mejia S, Ho HVT, Li D, Sievenpiper J, Duvnjak L, Vuksan V. Effect of psyllium (Plantago ovata) fiber on LDL cholesterol and alternative lipid targets, non-HDL cholesterol and apolipoprotein B: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 2018 Nov 1;108(5):922-932.
  44. Gibb RD, McRorie JW Jr, Russell DA, Hasselblad V, D'Alessio DA. Psyllium fiber improves glycemic control proportional to loss of glycemic control: a meta-analysis of data in euglycemic subjects, patients at risk of type 2 diabetes mellitus, and patients being treated for type 2 diabetes mellitus. Am J Clin Nutr. 2015 Dec;102(6):1604-14.
  45. Wendy J. Dahl, Erin A. Lockert, Allison L. Cammer, and Susan J. Whiting.Effects of Flax Fiber on Laxation and Glycemic Response in Healthy Volunteers.Journal of Medicinal Food.Dec 2005.508-511.http://doi.org/10.1089/jmf.2005.8.508
  46. Flaxseed as a Strategy for Improving Human Health. Nutrients. 2019;11(5). doi: 10.3390/nu11051171.
  47. Goyal Ankit, Sharma Vivek, Upadhyay Neelam, Gill Sandeep and Sihag Manvesh. Flax and flaxseed oil: an ancient medicine & modern functional food. J Food Sci. Technol. 2014; 51(9): 1633–1653.
  48. Laurino C, Palmieri B, Vadalà M. Gastrointestinal activity of dietary flaxseed lignans, omega-3 fatty acids and fibres. Nutrafoods 2017;16: 1-9.
  49. Palla Amber, Palla Hanif, Gilani Anwarul-Hassan. Dual effectiveness of Flaxseed in constipation and diarrhea: Possible mechanism. Journal of Ethnopharmacology. 2012;169: 60-68.
  50. Homeostasis, a model to distinguish between foods (including food supplements) and medicinal products. Council of Europe, 07.02. 2008.

Autore

brunosilvestrini
Prof. Bruno Silvestrini Farmacologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1955 presso università bologna.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 14314.

6 commenti

#2
Prof. Bruno Silvestrini
Prof. Bruno Silvestrini

Dott. Tommaso Vannucchi
Grazie per il commento e il suggerimento, che riguarda un tema di grande e generale rilievo, sul quale però non ho competenze adeguate. Meglio lasciarlo ad altri, più esperti di me.
Buona giornata

#3
Utente 679XXX
Utente 679XXX

Buongiorno dottore , per quanto tempo bisogna fare questa cura ? Grazie

#4
Utente 679XXX
Utente 679XXX

Oltre al colon irritabile ho la gastrite atrofica va bene ugualmente questa terapia ? Grazie

#5
Prof. Bruno Silvestrini
Prof. Bruno Silvestrini

Utente 679536/3
Si tratta di un integratore alimentare, che garantisce l’assunzione di principi alimentari essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo. Al pari di un multivitaminico, non esistono controindicazioni alla sua assunzione regolare da parte delle persone esposte a un disturbo da malnutrizione .
Buona serata

#6
Prof. Bruno Silvestrini
Prof. Bruno Silvestrini

Utente 679536/4
Il principio di ricostituire il velo fisiologico che normalmente riveste e nutre le mucose vale per tutte, ma richiede un adattamento a ciascuna di esse: cavo orale, vie respiratorie superiori, stomaco, intestino. Alcuni sono in vendita, ma sono stati realizzati partendo da una proposta e se li nominassi potrei teoricamente incorrere in un conflitto d'interesse. Peraltro, sono sul WEB dove non è difficile reperirli. Buona giornata.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche colon irritabile 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Farmacologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario e la vendita diretta di prodotti del Titolare e/o di altre società del gruppo CompuGroup Medical SE & Co. KGaA nonché lo svolgimento di indagini di mercato e questionari di customer satisfaction.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati