Malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) e gravidanza

Dr. Alessandro ScuottoData pubblicazione: 14 gennaio 2014

Sia la rettocolite ulcerosa che la malattia di Crohn colpiscono frequentemente le donne in età fertile ed è particolarmente importante la valutazione del rischio che queste patologie, e la terapia farmacologica conseguente, hanno in gravidanza sulla salute dei nascituri.

Il lavoro dei ricercatori dell'Università di Nottingham, pubblicato sul numero di gennaio 2014 di Gastroenterology, mostra che non vi è evidenza che le malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD), e la terapia farmacologica praticata in gravidanza, aumentino il rischio di malformazioni fetali.

Lo studio è stato condotto attraverso l'analisi retrospettiva di 386.514 madri di bambini nati tra il 1990 e il 2010. Confrontando il gruppo di 1.703 bambini nati da madri con IBD con il gruppo di 384.811 bambini da madri senza IBD, la percentuale di malformazioni fetali è risultata rispettivamente del 2,7% nel primo gruppo e del 2,8% nel secondo.

Non sono state riscontrate differenze in relazione ai farmaci assunti: salazopirina, azatioprina o cortisonici.

Questi dati, in accordo con le linee guida per la terapia delle IBD, confermano che non è necessario sospendere il trattamento farmacologico in corso di gravidanza o in previsione di essa.

Autore

alessandro.scuotto
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso Università Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Como tesserino n° 5803.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gastroenterologia e endoscopia digestiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa