gravidanza

Stitichezza in gravidanza

Dr.ssa Lucia VecoliData pubblicazione: 07 maggio 2014Ultimo aggiornamento: 05 maggio 2021

Un problema molto diffuso tra le donne in stato di gravidanza è la stitichezza.

Cause della stipsi nella donna incinta

Le cause della stitichezza in gravidanza sono molteplici, le più comuni sono le seguenti:

  1. cambiamento di alimentazione con tendenza a ingerire più cibi solidi nei primi mesi, per contrastare la nausea e il vomito;
  2. diminuzione dell'attività fisica, soprattutto in caso di pazienti tenute a riposo per minaccia d'aborto o di parto prematuro;
  3. terapia con ferro per bocca.

Il disturbo predispone a dolori in ambito addominale, spesso scambiati dalla donna per contrazioni uterine, alla comparsa di vaginiti e cistiti, particolarmente da bacilli coli formi e di emorroidi per gli sforzi al momento della defecazione, che possono sanguinare e preoccupare ulteriormente la gestante.

Talvolta, se la funzione intestinale è bloccata da alcuni giorni si possono formare fastidiosi fecalomi, che causano vere e proprie coliche.

stitichezza gravidanza rimedi

Come fare per andare di corpo in gravidanza?

È opportuno favorire l'evacuazione quotidiana incoraggiando una moderata attività fisica, soprattutto passeggiate, un abbondante apporto di acqua (la gravidanza e l'allattamento richiedono l'assunzione di circa 2 litri al dì) e cibi semi liquidi ricchi di scorie, quali passati di verdure, pane e pasta integrale, frutta, soprattutto kiwi, verdure cotte e crude.

Se possibile è meglio evitare l'uso di lassativi per bocca, soprattutto irritanti quali la Senna, perché a lungo andare ostacolano l'assorbimento intestinale dei principi nutritivi. Se proprio si devono utilizzare, meglio prodotti non irritanti, perette o supposte evacuative, su consiglio del medico.


Autore

luciavecoli
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1980 presso Università. Di Pisa.
Iscritta all'Ordine dei Medici di Lucca tesserino n° 1235.

2 commenti

#1
Utente 392XXX
Utente 392XXX

Dott.ssa buongiorno,
mi scusi per il disturbo ma sono disperata. sono stitica dalla nascita e prima della gravidanza assumevo lassativi regolarmente. poi ovviamente non ho piu preso niente per inseguire il mio sogno. Sono reduce da un aborto gemellare e ora sono di novo incinta. Non vado in bagno da 11 giorni (sono andata un giorno ma pochissimo). Ho preso nostip...onligol...psyllogel e ora la ginecologa per disperazione mi ha dato fibracol ma nulla. mangio frutta verdura cibi integrali yogurt e bevo come un cammello piu tutti i rimedi della nonna ma ciò non fa che peggiorare la situazione perche mi gonfio come un pallone e ho degli attacchi assurdi di colite con forti fitte al absso ventre. (sono alla 7 settimana).La ginecologa non vuole darmi i clisteri per paura delle contrazioni. sono disperata. che devo fare...mi aiuti lei perche non vivo piu....ho paura di perdere il bambino ma cosi sto scoppiando

#2
Dr.ssa Lucia Vecoli
Dr.ssa Lucia Vecoli

Gent. Sig., l'evacuazione intestinale è bene che sia quotidiana. Tale obiettivo si raggiunge con una adeguata alimentazione. Se non è sufficiente, si può ricorrere a balndi lassativi, perette, supposte, ecc., anche in gravidanza. Dopo tanti giorni di mancata evacuazione, la spiegazione più comune è che le feci solidificano e formano delle concrezioni solide, chiamate fecalomi, che ostruiscono il transito intestinale. In casi del genere è opportuno effettuare una esplorazione rettale e risolvere il problema frantumando meccanicamente l'ostacolo. Si rischia infatti l'occlusione intestinale. Il consiglio è di rivolgersi, a questo punto, in Pronto Soccorso, dove verrà fatta una precisa diagnosi e verrà risolto il problema. Cordiali saluti.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche gravidanza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Altro su "Gravidanza"