Degenerazione maculare: gli anti-VEGF sono utili anche in presenza di emorragie maculari

Dr. Antonio PascottoData pubblicazione: 26 aprile 2014Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2016

Uno studio retrospettivo ha valutato l'efficacia della terapia con anti-VEGF (Avastin, Lucentis, ecc.) in 91 pazienti affetti da Degenerazione Maculare umida accompagnata da emorragie sub-maculari.

Degenerazione maculare

A distanza di sei mesi dall'inizio del trattamento, l'acuità visiva nella maggior parte dei pazienti è migliorata o è rimasta stabile. Tuttavia, l'efficacia in occhi con ampie emorragie era limitata, indicando la necessità, in questi casi, di un trattamento più aggressivo.

La maggior durata dei sintomi, le più ampie estensioni delle emorragie ed il maggior spessore della fovea (la parte centrale della macula) al momento della diagnosi erano correlati con i peggiori risultati visivi.

Non si sono riscontrate differenze nell'efficacia terapeutica tra i pazienti con la tipica Degenerazione Maculare essudativa e la Vasculopatia Polipoide Coroideale: gli antivegf davano risultati soddisfacenti in entrambi i casi, in modo simile.

Fonte: Ophthalmology, aprile 2014

Autore

antoniopascotto
Dr. Antonio Pascotto Oculista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1994 presso Università degli Studi di Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 27245.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche degenerazione maculare 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati