Degenerazione Maculare: cosa sono disposti a sopportare i pazienti pur di conservare la vista

Dr. Antonio PascottoData pubblicazione: 17 aprile 2016
Secondo uno studio condotto in Germania, i pazienti con degenerazione maculare neovascolare, per prevenire il peggioramento dell'acuità visiva, sono disposti a sopportare un trattamento imponente che include iniezioni intravitreali regolari a brevi intervalli di tempo, lunghi tempi di attesa e viaggi.
 
Degenerazione Maculare - Antonio Pascotto
 
Nello studio sono stati selezionati 284 pazienti. Tutti i pazienti, di non meno di 50 anni, soffrivano di Degenerazione Maculare umida e avevano ricevuto almeno un'iniezione intravitreale. I ricercatori hanno condotto interviste telefoniche con i soggetti.
 
Al momento dell'inclusione nello studio, il 22,9% dei pazienti aveva già una scarsa acuità visiva, il 54,9% dei pazienti aveva una moderata acuità visiva e il 14,1% dei pazienti aveva una buona acuità visiva. I dati sulla capacità visiva non erano invece disponibili per l'8,1% dei pazienti.
 
In generale, i pazienti hanno detto di essere disposti ad optare per un'ulteriore spesa di tempo di 13 ore per ogni visita medica per ottenere una stabilizzazione della vista, piuttosto che rischiare di subire un peggioramento. Pur di migliorare la vista, poi, i pazienti preferiscono optare per un'ulteriore spesa di tempo di 21 ore per ogni visita medica. Nel tempo della visita visita medica è stato incluso il tempo in sala d'attesa, il tempo del viaggio verso lo studio medico o la clinica ed il tempo necessario per il trattamento.
 
 
I pazienti sono consapevoli del grosso impegno personale associato alla terapia con iniezioni intravitreali ma, nonostante tutto, preferiscono sopportare i disagi pur di avere un miglior esito clinico.
 
Fonte: Muller S, et al. Ophthalmology. 2016

Autore

antoniopascotto
Dr. Antonio Pascotto Oculista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1994 presso Università degli Studi di Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 27245.

2 commenti

#1
Utente 415XXX
Utente 415XXX

Salve,ho avuto un incidente a gennaio 2016,urto violento sullo spigolo della porta ,visita al pronto soccorso nessuna anomalia all occhio secondo loro,continuavo a ripetere di non vedere più ,risposta loro :lei vede il nero dell ematoma ,al momento nessun accertamento,giorni seguenti di nuovo in ospedale ma nessuna visita .mi hanno prenotato una visita oct dopo 12giorni più campo visivo ,esito :campo visivo estinto. Il giorno 22/06/16 operato d'urgenza per cataratta traumatica .ora mi hanno detto che il cristallino non l'hanno potuto sostituire perché la retina è gravemente compromessa,e quindi inutile sostituire.vorrei capire se mi avessero fatto qualche visita più dettagliate al momento del pronto soccorso magari oggi vedrei ancora? Come mi dovrei comportare legalmente?grazie.

#2
Utente 464XXX
Utente 464XXX

salve siccome lei e un oculista mi chiedevo se sapeva qualcosa sul mio problema quando mi masturbo il giorno dopo mi bruciano gli occhi mi chiedevo se e dovuto alla masturbazione perche sono un po preocupato anche perche ho gli occhiali.....grazie

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche degenerazione maculare 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati