Ci sono alcuni semplici accorgimenti che possiamo fare a casa da soli e che ci aiutano per la cura dell'occhio secco. Maschere riscaldabili per gli occhi.

  Matteo Piovella e Luigi Marino

  Vienna ESCRS 2018 al LIPIFLOW MEETING

 

Uno dei primi trattamenti domiciliari per alleviare i sintomi dell'occhio secco: è l'applicazione di mascherine sugli occhi, io consiglio in genere eyegiene.

Altri tipi Le mascherine per gli occhi possono essere riscaldate nel microonde e quindi appoggiate delicatamente sopra gli occhi chiusi per circa 10-15 minuti, è sempre buona norma proteggere gli occhi con una garza prima di applicare le mascherine

 

  • Massaggi oculari

lConsiglio sempre di effettuare una accurata detersione delle palpebre la sera dopo la doccia o dopo aver lavato il visi, e di poggiare sugli occhi una mascherina calda o una benda imbevuta di acqua tiepida, appena la benda si raffredda si può prodcedere con un massaggio palpebrale almeno un paio di volte al giorno per "sboccare" le ghiandole di Meibomio.

Lo scopo di questi massaggi è proprio quello di sbloccare le ghiandole di Meibomio, le piccolissime e tantissime ghiandoline disposte lungo il margine palpebrale.

.

              Meibomiografia (VIENNA ESCRS 2018) E-light

  

  • Sostituti lacrimali o lacrime artificiali

 

L'applicazione di lacrime artificiali è la prima terapia consigliata nell'occhio secco. 

I sostituti lacrimali sono formulati in gocce, gel, unguenti e pomate oftalmiche.

Lo scopo di questa terapia iniziale è quello di sostituire le lacrime, che non riusciamo più a produrre a causa del nostro occhio secco. 

Molte persone mettono spesso e bene gocce di collirio durante il giorno, mentre la sera prima di mettersi a letto è istillano un collirio in gel, un unguento o una pomata oftalmica.

I colliri migliori sono sempre quelli monodose oppure multidose, ma sempre senza conservanti.

I pazienti con occhio secco moderato o grave devono istillare, anche durante il giorno, sempre collirio in gelunguento o pomatine oftalmiche oltre che la notte. 

I sostituti lacrimali sono prodotti da banco e quindi possono essere acquistati in farmacia o dagli ottici senza alcuna necessità di una prescrizione medica specialistica, ma è sempre meglio consigliarsi con il medico specialista oculista prima di fare un acquisto incauto o inutile (ormai anche su Internet).

 

      il trattamento per occhio secco basato sui potenziali eletrici RESONO

 

  • Manteniamoci ben idratati 

 

Mantenerci ben idratati è estremamente importante per tutti, ma le persone con occhio secco dovrebbero fare uno ulteriore sforzo per arrivare a bere almeno 2 - 2,5 litri di acqua  al giorno. 

Mantenere il corpo ben idratato ci manterrà più giovani e belli e gli occhi saranno idratati sia a livello di corpo vitreo (dentro) che di superficie oculare (fuori).

 

  • Omega 3

 

Assumere delle compresse o alimenti che contengano omega 3 (ad esempio capsule di olio di semi di lino o capsule di olio di pesce), possono aiutarci a ridurre i sintomi dell'occhio secco. 

Gli omega 3 sono acidi grassi essenziali di cui abbiamo bisogno nella nostra dieta, poiché il nostro corpo non riesce a sintetizzarli. 

Molti studi dimostrano che l'assunzione di omega 3 riducano i sintomi dell'occhio secco. 

Naturalmente non bisogna esagerare con il dosaggio e dobbiamo ricordare che non tutti sono adatti ad assumere omega3, che a volte invece possono interferire con altri farmaci, quindi prima di iniziare ad assumere gli Omega 3 è sempre meglio consultare un medico specailista oculista o consulente dietologo.

Alimenti che contengono omega 3 sono ad esempio: pesce, olio di pesce, crostacei,noci,mandorle, semi di girasole, semi di lino, avocado, riso rosso,spinaci.

 

  • Far riposare gli occhi

 

Lavorare su un computer, un tablet, uno smartphone o su un altro tipo unità di visualizzazione (VDU e VDT) è inevitabile per molte di noi, ma l'utilizzo di questi

strumenti fa peggiorare drammaticamente i sintomi dell'occhio secco. 

Quando utilizziamo il computer , non ammicchiamo a sufficienza o in maniera completa e tenere gli occhi spalancati causa secchezza oculare. 

Un semplice consiglio è quello seguire la regola 20-20-20; 

ogni 20 minuti che stiamo al Computer

distraiamoci e guardiamo oltre i 20 metri di distanza per almeno 20 secondi. 

Questo aiuta tutti noi che utilizziamo il computer, ma soprattutto chi soffre di occhio secco.

Sicuramente è anche utile ridurre l'uso che facciamo di computer, tablet e smartphone mel miglior modo possibile.

Possiamo anche utilizzare occhiali con filtro per la luce BLU, tipo blue controll Hoya 

o un collirio che ci protegga dalla luce blu come ad esempio il Lumixa.

Questi sono tutti i consigli utili da seguire a casa o in ufficio, se soffriamo di Occhio Secco.

Naturalmente è di vitale importanza consultare prima un buon medico specialista oculista, che abbia maturato una notevole esperienza nel trattamento delle Sindromi da alterazione del Film Lacrimale e dell'Occhio Secco.

Una valutazione clinica specialistica approfondita è sempre necessaria prima di iniziare qualsiasi trattamento terapeutico per l'occhio secco.

     E-Light il trattamento con luce pulsata per occhio secco, meiboniti e calazio.