Maschio o femmina? Non sempre, a volte è "terzo sesso"

Dr.ssa Paola ScalcoData pubblicazione: 16 aprile 2014

Anticamente i generi erano tre: oltre al maschio ed alla femmina, c’era l’androgino. A quel tempo l’androgino era un’unità e partecipava di entrambi, il maschio e la femmina.”

DAL SIMPOSIO DI PLATONE

 

Ci sono voluti un paio d’anni dal ricorso, ma alla fine i giudici della Corte Suprema indiana hanno sancito il diritto di ogni essere umano a scegliere il proprio genere sessuale, svincolandosi dalla dicotomia maschio/femmina.

Questo è un primo passo decisivo di riconoscimento a livello legale e burocratico, che dovrà -non senza difficoltà- tradursi in riconoscimento sociale superando pregiudizi e stigmatizzazioni:

Il mese scorso anche in Australia l’Alta Corte si era espressa favorevolmente in tal senso, concedendo ad una persona di registrarsi all’anagrafe dichiarandosi di “sesso non specifico”:

 

E nella vecchia Europa?

Il governo tedesco, primo nel nostro continente, ha varato una legge secondo cui, dal novembre dello scorso anno (2013), in Germania i generi maschile e femminile vengono affiancati da una nuova possibilità di scelta, ossia il genere indeterminato o intersessuale:

 

Se ne discute sempre più apertamente quindi e questo, a mio avviso, non può che essere considerato positivo, dal momento che l’ignoranza, come in altri ambiti, può portare a giudizi affrettati o a morbose curiosità, che non sono utili a nessuno, soprattutto non sono utili alle persone intersessuali o ai neogenitori che magari si ritrovano a doversi affacciare improvvisamente su un mondo a loro del tutto sconosciuto.

Anche i mezzi d’informazione spesso non contribuiscono ad avere le idee più chiare, utilizzando in maniera del tutto approssimativa come sinonimi, termini con significati in realtà profondamente diversi (nello specifico, transessualismo, travestitismo, omosessualità, intersessualità sono fenomeni ben distinti tra loro e parimenti inadeguata è l'espressione "terzo sesso" degli articoli citati).

Fino a non molto tempo fa si utilizzava il termine ermafroditi, rifacendosi al mito greco di Ermafrodito, il figlio di Ermes ed Afrodite, caratterizzato da sinuosità e busto femminili abbinati alla presenza di genitali maschili, mentre ora si preferisce parlare di persone intersessuali per definire le persone in cui sesso genetico, gonadico e genitale non concordano. Quella dell’intersessualità è una condizione assai delicata e variegata ma con molta probabilità non sufficientemente conosciuta dai non addetti ai lavori, su cui è bene che il dibattito e la riflessione siano aperti, valicando i confini delle comunità mediche e psicologiche.

A titolo esemplificativo, negli ultimi anni in Italia sono aumentati in maniera esponenziale gli interventi chirurgici in bambini di età prescolare, ma la migliore soluzione è davvero quella di una “correzione” col bisturi il più precocemente possibile (vedi repubblica) -anche quando non ci sia un’urgenza medica- riducendo una realtà così complessa dal punto di vista personale (biologico ma anche psicologico) e sociale ad una mera questione di aspetto più o meno “conforme” dei genitali?

L’argomento è indubbiamente articolato ed eterogeneo, ma forse affrontarlo parlando di disturbi” della differenziazione sessuale o di difetti” dello sviluppo sessuale significa partire già da una prospettiva di pre-giudizio.

  

Per approfondimenti:

 

Autore

paola.scalco
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1994 presso Università degli studi di Padova.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Piemonte tesserino n° 1724.

2 commenti

#1
Utente 376XXX
Utente 376XXX

Il mio bambino di 4 anni ha il pene leggermente palmato ed il doppio meato. Non so se la pipì esca da uno solo o da entrambi i fori, ma lui non ha nessun fastidio. Ma è necedsaro intervenire chirurgicamente o questa sitiazione anche da grande non comporterà problemi e quindi possiamo evitare l'intervento?

#2
Dr.ssa Paola Scalco
Dr.ssa Paola Scalco

Gentile Utente,
essendo psicologa psicoterapeuta (e, dunque, non medico) il quesito che mi pone non è di mia competenza.
Immagino comunque che nel tempo suo figlio abbia effettuato visite pediatriche e/o uro-andrologiche e che vi sia stato suggerito se e come intervenire.
Le allego i link relativi ai consulti effettuati dagli andrologi di questo portale su questa tematica, nella speranza che le siano in qualche modo utili:
https://www.medicitalia.it/consulti/andrologia/184193-pene-apparentemente-piccolo.html
https://www.medicitalia.it/consulti/urologia/297552-scroto-a-scialle-palmato-scroto-a-bandiera-palmato.html
https://www.medicitalia.it/consulti/urologia/307870-pene-palmato.html
Eventualmente può provare a postare la sua richiesta di consulto nella sezione Andrologia.
Cordialità.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche ermafroditismo 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati