Sextortion: il fango inarrestabile del revange porn

Dr.ssa Valeria RandoneData pubblicazione: 15 ottobre 2016Ultimo aggiornamento: 20 ottobre 2016

Da Belen alle ragazzine suicide per vergogna.
La profanazione online della propria intimità mediante la pubblicazione online di "video intimi ed audaci" sembra non conoscere ceto, nè latitudine.

Qualche riflessione
Si era innamorata.
Ci aveva creduto.
Era lui, l'unico amore della sua vita. L'intimità era stata ripresa, era un gioco, il loro gioco.
Un gioco erotico, d'amore, di condivisione e di intimità.
Un video che scalda l'anima ed i sensi, da rivedere a distanza di giorni per riassaporare quei momenti.
Unici, intensi, privati.
Anzi, privatissimi.
In quei momenti di alchemico incontro non si pensa al dopo, mai.
Il dopo non esiste perché è un amorevole prolungamento dell'adesso.
La diffidenza non esiste, e l'amore e l'ingenuità abiteranno tutte le stanze della vita della coppia, annebbiando razionalità e lungimiranza.

Ed invece? Basta un attimo e tutto cambia.

L'amore si trasforma in odio.
La gelosia in vendetta agita.
La delusione in rabbia.

E l'intimità in dimensione pubblica, virtuale e virale.

 

La sete di vendetta
Quando finisce un amore spesso, le coppie si trovano a navigare nel mare tempestoso della disattenzione e della prevaricazione.
La rabbia prende il posto delle carezze.
La ferocia della dolcezza.
E gli "agiti" - detti in psicoanalisti acting out - si sostituiscono alla capacità di pensare e di mentalizzzare (in questi casi direi indispensabile).

Con il termine sextortion si intende un’estorione di tipo sessuale.

 

Qualche dato
Soltanto in Provincia di Catania dal 1 gennaio 2014 a qualche mese addietro ci sono stati 50 casi di estorsione sessuale, a Torino la polizia Postale riceve in media una chiamata al giorno, anche se non tutte le segnalazioni sfociano poi in una indagine della magistratura.

Vige la vergogna, il non detto, la paura di denunciare e di denunciarsi.

E, come sempre, il silenzio uccide.

Uccide la dignità, l'amor proprio e la propria reputazione.

Due tipi di estorsione sessuale: per amore e per soldi
L'ingenuità apre la strada verso i guai.
Di estorsione sessuale ne abbiamo comunque di due tipi: una per amore e l'altra architettata ad arte, esclusivamente per soldi.

1- Nel primo caso, può trattarsi di vendetta, di astio agito o di un sexting tra amanti o - ex- amanti - non andato a buon fine.

Spesso, come abbiamo potuto leggere sulle tristissime cronache dei giornali, d’ingenuità e d’amore, si muore.

Alcune ragazzine, dopo aver filmato la loro intimità, hanno dovuto subire la vendetta dei loro ex amori che, senza pudore e con estrema rabbia, hanno messo tutto in rete.

Direi senza pietà.

Il suicidio poi, è stato per loro, l'unica strada da poter percorrere.

Lasciando sgomenti i genitori e l'opinione pubblica.

2- Il secondo, invece, viene agito da associazioni criminali, trattasi di un’estorsione vera e propria, che colpisce soprattutto gli adulti più o meno facoltosi e coniugati.

Secondo l’Interpol quest’ultima tipologia viene organizzata con dovizia di particolari.

Il lestofante-ricattatore assume l’identità di un uomo o di una donna seduttivo/a, capace di adescare la preda, dopo aver ottenuto la sua fiducia ed il suo coinvolgimento, il potenziale amante virtuale registra i filmati della vittima mentre compie atti sessuali.

Il ricatto avverrà da lì a breve.

Verrà minacciato di far circolare tra amici o "familiari", o peggio ancora di pubblicarli su Internet a meno che non venga pagata una cospicua somma di denaro.

 

Ricapitolando: di sexting, consenziente o rubato per inganno, si muore!

 

 

Autore

valeriarandone
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1992 presso La Sapienza-Roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia tesserino n° 1048.

3 commenti

#1

Terrible Valeria,Oggi, purtroppo, ragazzine o no, essere ingenue non si può, spiace dirlo, ma fidarsi .. meglio di no.. questo toglie poesia all'amore, all'intimità certamente, ma i prezzi sono troppo alti.. un passo indietro e anche due , ci vuole.. Sei sempre bravissima e tempista !

#2
Dr.ssa Valeria Randone
Dr.ssa Valeria Randone

Cara Magda,
Grazie per le tue riflessioni.
Hai ragione quando dici che l'attenzione ed il non potersi lasciare andare toglie poesia all'amore, ma i rischi sono davvero tanti...e con il web non si scherza.

Un abbraccio e buon fine settimana

#3
Ex utente
Ex utente

Certo che associare la parola AMORE al web è paradossale ,io definirei questo macabro meccanismo ad un puro e semplice atto di mancanza o peggio ancora di nn voler che la parte lesa riesca a perdonare il carnefice,detta in atro modo potrebbe essere paragonato al classico detto" gatto che si morde la coda" ma in realtà,io nn ho mai visto un micio tentar di mordersi la coda
Buona serata.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche sexting 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati