Il sesso è come il vino, migliora con l'età. Fare l'amore fa bene all'amore

Dr.ssa Valeria RandoneData pubblicazione: 04 gennaio 2017

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

“Solo il battito all’unisono del sesso e del cuore può creare l’estasi”. Anaïs Nin

 

STATI UNITI - Secondo i ricercatori dell’University of Minnesota il sesso migliora con l'andare avanti dell'età.
Sembra infatti che, gli over cinquanta, abbiamo una vita sessuale molto più appagante dei ventenni; intimità scaldata dalla saggezza, e favorita dall'essere risolti sotto le lenzuola.

Lo studio
Sono state analizzate ben 6mila persone di età compresa tra i 20 e i 93 anni, relative agli anni 1995, 2003 e 2013.
I partecipanti dovevano anche rispondere ad alcuni questionari sulla qualità della loro vita sessuale.

Conclusioni

Con l'andare avanti dell'età la frequenza dei rapporti sessuali è diventata meno importante, mentre la la quantità di intenti e lo sforzo investiti nella sessualità sono diventati più importanti.

Quindi, è evidente che con l'andare avanti dell'età, la sessualità non si estingue in una semplice ginnastica da camera, ginnica ed acrobatica, ma assume uno spazio interiore differente, trasferendosi dalla "dimensione del fare all'essere".

Cambiano senza dubbio le priorità.

 

Qualità contro quantità
La dott.ssa Miri Forbes e colleghi, sostiene che gli ultracinquantenni puntano più sulla qualità che sulla quantità, quindi niente rapporti usa e getta, ma una sessualità intensa, appagante e fantasiosa.

Sembra inoltre che gli amanti ‘maturi’ e brizzolati, siano più premurosi e più romantici, oltre che, maggiormente consapevoli della sessualità femminile.
Le differenze sessuali tra gli uomini e le donne - come ben sappiamo - rendono il percorso sessuale femminile che va dal desiderio sessuale al suo raggiungimento, estremamente difficoltoso e molto meno meccanico ed idraulico, del piacere maschile.

La sessualità femminile, estremamente complessa e molto più cerebrale di quella maschile, sembra beneficiare notevolmente delle ars amatorie dei partners over cinquanta.

Riflessioni: fare l'amore fa bene all'amore

I capelli bianchi e le prime rughe, corrispondono a cambiamenti dell'anima.

Cambia il sentire.

Cambia il volere.

Cambiano le dinamiche di coppia, e talvolta, i protagonisti della coppia.

Cambia, senza dubbio, la sessualità.

Noi tutti cambiamo con l'andare avanti degli anni, e non soltanto per quel che riguarda la sessualità.

Sappiamo cosa desideriamo e, soprattutto, cosa non desideriamo più.

Cambiano inoltre, le priorità.
Con l’andare avanti dell’età cambiano le priorità sessuali, così ci troviamo ad imparare, come una sorta di automatismo relazionale, le competenze e le conoscenze, le capacità e le preferenze, che non solo migliorano il "sentire sessuale", ma arginano il possibile declino sessuale correlato all’invecchiamento.

Quindi, fare l'amore allunga la vita.

Stare bene con chi amiamo davvero, curare e concimare la qualità della vita sessuale, è - senza dubbio – un elisir di lunga vita dell'eros, della coppia e della qualità di vita.

 

Fonte: https://theconversation.com/why-sex-gets-better-in-older-age-69837

Autore

valeriarandone
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1992 presso La Sapienza-Roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia tesserino n° 1048.

9 commenti

#3
Utente 397XXX
Utente 397XXX

Secondo me c'è una certa differenza tra uomo e donna, nel senso che l'uomo in genere vive male il declinare della potenza sessuale associata all'avanzare dell'età mentre la donna in effetti potrebbe essere più capace di provare piacere con il passare degli anni.

#4
Dr.ssa Valeria Randone
Dr.ssa Valeria Randone

Il tempo che passa accomuna uomini e donne.
Anche le donne vanno in contro, durante la menopausa, a cambiamenti della loro sessualità e corporeità.
È il "come" che fa la differenza.

#5
Utente 397XXX
Utente 397XXX

È il come ovviamente. Ma il come è influenzato dalla differente percezione che hanno uomo e donna rispetto al sentirsi sessualmente a posto. L'uomo senza il suo organo sessuale funzionante si sente grandemente menomato e limitato nell'amore. La donna non ha lo stesso problema, perchè fisicamente e quindi psicologicamente più diversificata.

#6
Dr.ssa Valeria Randone
Dr.ssa Valeria Randone

Genrile Utente,
i suoi dibbi, mi offrono la possibilità di aggiungere altri elementi, per chiarire meglio il concetto di "qualità" della vita sessuale.

Il "come " è inteso con modalità meno genitalico.

Per "come", si intende:

La cura del legame d'amore
L'empatia
L'empatia sessuale
L'amore
Il dialogo
La dimensione del gioco, ludica della sessualità
L'immaginario erotico, il suo utilizzo.

Insomma, la qualità invece della quantità.

L'età che avanza non è obbligatoriamente correlata con un deficit erettivo, a meno che non ci sia una comorbidità con altre problematiche.

L'età, come le dicevo, non correla con svariate disfunzioni sessali, maschili o femminili.

Anche la donna, se dovesse avere dolore sessuale, o secchezza vaginale, non si sentirebbe molto a suo agio.

#7
Utente 397XXX
Utente 397XXX

In realtá con l'etá il deficit erettivo è sempre più frequente nell'uomo. Anche la donna come ha giustamente detto lei ha delle problematiche organiche, ma, mi pare di intuire che sono meno impattanti di quanto possa essere il problema organico nell'uomo. Cioè secondo me è molto probabile che senza problemi fisici l'amore con l'etá può essere molto soidisfacente, ma è anche vero che le malattie sessuali con l'etá aumentano e dubito che un uomo con deficit erettivo possa vivere bene la propria sessualitá.

#8
Dr.ssa Valeria Randone
Dr.ssa Valeria Randone

"In realtá con l'etá il deficit erettivo è sempre più frequente nell'uomo"

Il deficit erettivo non è età-correlato.

Provi a consultare queste letture, così potrà appuntare come un eventuale D.e., dipende da mille altri fattori, ma non dall'invecchiamento, le ripeto, a meno che non ci siano altre patologia.

Cordialmente

http://www.valeriarandone.it/articoli/177-sessuologia-andrologia/
https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-un-problema-di-coppia-il-ruolo-della-partner.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-un-problema-di-coppia-il-ruolo-della-partner.html-
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6154-il-ruolo-delle-donne-nel-deficit-erettivo-dell-uomo.html

#9
Utente 397XXX
Utente 397XXX

Non mi sembra corretto dire che il deficit erettivo non sia correlato con l'età. Ci sono diverse statistiche che mostrano come dopo i 45-50 la disfunzione erettle è sempre più diffusa. I motivi sono per lo più organici e legati a malattie tipiche dell'invechiamento (ipertensione, diabete, arteriosclerosi). Si stima che il 50% dei malati di diabete soffra di un disturbo dell'erezione e considerando l'epidemia di diabete senile cui assistiamo non mi sembra poco.
Per questo credo che parlare di una sessualità che migliora con l'età sia per lo meno discutibile. Certo l'esperienza aiuta anche nel sesso e le persone divengono più consapevoli del proprio corpo, però c'è un limite.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche sessualita 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati