dieta

Poco zucchero e grassi nella dieta: attenti alla depressione

Dr. Alberto CalvieriData pubblicazione: 11 giugno 2011Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2021

Tutti noi sappiamo che un buon gelato o una gustosa pizza napoletana mettono il buon umore e forse questa verità è alla base del consumo prediletto di tali cibi, ma perché questi ci aiutano a vivere meglio? Il tono dell'umore è spesso condizionato dal tipo di alimentazione che stiamo seguendo, ecco perché dieta e depressione possono andare di pari passo.

dieta equilibrio zuccheri grassi

Food craving e cibi antidepressivi

Escludendo le psico-patologie caratterizzate clinicamente anche da una riduzione intrinseca del tono dell'umore, perché una giusta alimentazione ben si concilia con un sano e valido tono dell'umore?

Per comprendere meglio le relazione fisiologiche esistenti tra tono dell'umore e cibo, prendiamo come esempio chi sta seguendo una dieta ipocalorica caratterizzata per lo più da una bassa percentuale di carboidrati (prevalentemente zuccheri semplice) e grassi. È molto probabile che di fronte a una tavoletta di cioccolata o un buon gelato o magari un bel supplì croccante, non possa risentire l'azione tentatrice dei propri impulsi ancestrali dei consumi: è in pratica di fronte a una terribile lotta tra l'angelo delle buone intenzioni e il diavolo del desiderio.

Quel che succede in verità nel suo cervello è uno scatenarsi del "food craving", come lo definiscono gli anglossassoni, e cioè il terribile impulso a consumare qualcosa e, nello specifico, qualcosa di dolce e/o grasso. Ma perché normalmente ciò non avviene se gli si pone di fronte un bel piatto di zucchine lesse scondite?

La serotonina e gli alimenti contro la depressione

La risposta è da ricercare nella complessa relazione biochimica tra serotonina, il principale dei mediatori chimici regolatori del tono dell'umore, e l'umore stesso. Bassi livelli di serotonina cerebrale sono strettamente correlati con un basso livello di zucchero nel cervello e di conseguenza tale rapporto viene inconsciamente avvertito come allarme dalla persona che quasi con automatismo avverte la pulsione (fisiologicamente indotta) a riequilibrare il rapporto con ingestione di zucchero. Ecco quindi spiegato il rapporto tra dieta e depressione o, più spesso, cattivo umore.

Lo stesso succede con il consumo di qualcosa che contenga grasso come appunto il supplì o la pizza. C'è altresì da aggiungere che la produzione di endorfine cerebrali (sostanze morfino-simili inducenti euforia, gioia, appagamento) sono fortemente aumentate con l'ingestione di zuccheri e grassi con la dieta e ciò tende anche a spiegare appunto il "food craving" e cioè l'irresistibile desiderio di assumere qualcosa di dolce e/o grasso (magari associati, come appunto un buon gelato o una tavoletta di cioccolato) per sentirsi contenti e appagati.

Depressione e alimentazione: non rinunciare a zuccheri e grassi

Il risvolto pratico di quanto detto non può essere che consigliare a coloro che seguono rigide diete ipocaloriche povera di carboidrati e lipidi (purtroppo molto diffuse), di non tralasciare mai alimenti come lo zucchero e i grassi.

Una piccola quota di questi deve essere quotidianamente presente nello schema alimentare giornaliero, magari con piccole quantità (è sufficiente anche una gustosa fragola o un cucchiaino di olio in più nell'insalata). Ciò riequilibra rapidamente i rapporti ormonali e chimici sopra indicati e appaga senza dubbio un sacrificio che, probabilmente, dovrà essere prolungato per qualche mese.

Pericolose invece, a mio avviso, diete sbilanciate e prevalentemente iperproteiche, soprattutto quando le proteine vengono ingerite esclusivamente sotto forma di integratori alimentari commerciali (solo aminoacidi): con pochi zuccheri e grassi, verrebbe inevitabilmente a scatenarsi l'allarme cerebrale che in qualche modo ci avvisa di un pericolo "depressione" incombente che il food craving tenterà di allontanare.

Il consiglio pertanto, nel seguire schemi alimentari dietologici mirati a perdere peso, è quello di affidarsi non tanto alle indicazioni di moda quotidianamente reperibili sui giornali quanto a un buon nutrizionista che abbia interesse primario a salvaguardare la salute del suo paziente oltre che aiutarlo nel suo intento di perdere peso.


Autore

a.calvieri
Dr. Alberto Calvieri Dietologo, Medico di medicina generale, Specialista in malattie del fegato e del ricambio, Medico estetico, Diabetologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1979 presso La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 27394.

2 commenti

#1
Dr.ssa Angela Pileci
Dr.ssa Angela Pileci

Grazie! Davvero interessante questa news. Bisognerebbe fare un po' più di educazione su questi temi a qualunque età.

#2
Dr. Alberto Calvieri
Dr. Alberto Calvieri

ti ringrazio per l'apprezzamento gradito; sono d'accordo con te ma sempre più spesso ci confrontiamo arduamente con "mode" scriteriate che coinvolgono sempre più spesso ragazzi,adolescenti e purtroppo anche bambini
un caro saluto

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche dieta 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Scienza dell'alimentazione?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Altro su "Dieta"