La perdita di peso migliora la continenza urinaria

Dr. Gino Alessandro ScaleseData pubblicazione: 14 aprile 2014

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Premessa

Il diabete mellito specie se non ben compensato, associato a sovrappeso o nei casi più gravi ad obesità può essere causa di disturbi urinari invalidanti quali la incontinenza urinaria e l’incremento della frequenza urinaria sia diurna che notturna che predispongono il paziente all’isolamento sociale ed alla depressione, incrementando gli effetti negativi di questa patologia.

Da uno studio multicentrico condotto in collaborazione fra le università della California, North Carolina, Massachusetts, Tennessee e Rhode Island si è determinato l'effetto di un intervento drastico sullo stile di vita di pazienti in soprappeso/ obesi, diabetici e con disturbi minzionali (incontinenza urinaria, urgenza minzionale, incremento della frequenza urinaria diurna e notturna).

Metodi

Un sottoinsieme di pazienti di sesso maschile già arruolati in un gruppo di studio in cui si insegnava al paziente a conoscere meglio ed a gestire la patologia diabetica

1.910 uomini con una età media di 59,9 anni equamente divisi in un 1° gruppo che riceveva solo consigli per la migliore gestione del diabete ed un 2° gruppo che oltre a questo subivano una drastica modifica dello stile di vita diretta principalmente alla perdita di peso.

Tutti i partecipanti compilavano questionari riguardanti la continenza urinaria, la frequenza minzionale diurna e notturna, all'inizio della valutazione e dopo 1 anno.

Risultati

Dopo un anno i pazienti afferenti al 2° gruppo hanno perso peso in maniera più significativa rispetto al 1° gruppo (+ 9,4 %)• Le probabilità di incorrere nel problema della incontinenza urinaria era ridotta del 38 % nel 2° gruppo rispetto al 1°.

Nel 2° gruppo c’era anche una maggiore probabilità di risolvere l’incontinenza urinaria 56,0% ed una minore probasbilità di incorrere in questo problema.

Al contrario, nessuna differenza tra i due gruppi è stata evidenziata per quel che riguarda la frequenza urinaria diurna e notturna. Conclusioni

Conclusioni

Un corretto stile di vita e la perdita di peso sono fondamentali per migliorare il compenso del diabete e quindi evitare i suoi effetti negativi sulla dinamica urinaria.

 

 

Source

Article in Press

Intensive Lifestyle Intervention Reduces Urinary Incontinence in Overweight/Obese Men with Type 2 Diabetes: Results from the Look AHEAD Trial

Benjamin N. Breyer;Suzanne Phelan;Patricia E. Hogan;Raymond C. Rosenx; Abbas E. Kitabchix; Rena R. Wingx;Jeanette S. Brown

DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.juro.2014.02.036

 

 

Autore

ginoalessandroscalese
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1997 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 11376.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche incontinenza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati