Obiettivo del lavoro che riporto era confrontare i punteggi dei sintomi pre- e post-terapia riportati sull'Indice di valutazione della prostatite cronica (NIHCPSI) dopo terapia di iniezioni antibiotiche trans-rettali per gli uomini che soffrono di prostatite cronica.

Materiali e metodi: analisi retrospettiva dei punteggi dei sintomi NIHCPSI ottenuti da revisioni di 77 pazienti trattati con prostatite cronica prima e dopo iniezioni trans rettali per il trattamento della prostatite cronica.

Risultati: la maggior parte dei pazienti ha riportato un miglioramento dal 40% al 60% nei punteggi dei sintomi. Nei sottogruppi che confrontano i punteggi in pazienti con meno di 5 iniezioni, il miglioramento è stato inferiore rispetto ai pazienti che hanno ricevuto 10 o più iniezioni. Le risposte dei pazienti dopo un follow-up più breve (3 mesi) hanno mostrato punteggi del dolore migliori dei punteggi del paziente dopo un periodo più lungo, più di un anno o più, di follow-up.

Conclusione: I risultati mostrano che l'iniezione diretta di antibiotici per la prostatite cronica è un'aggiunta praticabile alle terapie standard. I miglioramenti nei punteggi dei sintomi sono di lunga durata. Il disagio è minimo e gli effetti collaterali sono rari ed evitabili

 

Conclusione personale: personalmente non me ne occupo, preferisco un approccio tradizionale, ma è giusto confrontare le proprie esperienze, con il fine ultimo di migliorare la qualità di vita di pazienti affetti da malattie insidiose.

 

Fonte:

https://doi.org/10.4081/aiua.2018.1.34