Da una pianta che cura la Malaria una possibile nuova cura per la prostata ingrossata

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 05 luglio 2020

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) è una crescita anormale della prostata osservata comunemente nei maschi di età intermedia. È stato segnalato che l'artemisinina riduce i livelli di testosterone, una delle cause ormonali della crescita prostatica.

Questo studio che riporto è stato progettato per valutare l'efficacia di Artemisinina sull'iperplasia prostatica benigna indotta dal testosterone propionato (TP).

 

Materiali e metodi

Ratti albini Wistar maschi (n = 24) sono stati separati in quattro gruppi di sei ratti ciascuno.

Il gruppo I è stato servito come acqua di controllo e distillata usando tra 80 e un agente emulsionante è stato somministrato per via sottocutanea. La BPH è stata indotta dal testosterone propionato 3mg / kg (gruppo II), S.C. al giorno per 28 giorni.

Il gruppo III era gruppo trattato con BPH + Finasteride (10 mg / kg per via orale per 28 giorni) e gruppo trattato con BPH + Artemisinina (gruppo IV) (50 mg / kg per via orale per 28 giorni).

 

Risultati

I risultati dello studio hanno mostrato livelli significativamente elevati di fosfatasi sierica dell'acido prostatico (PAP), lattato deidrogenasi (LDH) e un aumento del peso prostatico e dell'indice prostatico nel gruppo II (IPB) rispetto al gruppo I.

L'esame istopatologico ha mostrato un aumento nella proliferazione epiteliale delle cellule prostatiche con involuzioni che sporgono nel lume nel gruppo BPH rispetto al gruppo normale.

Il trattamento con Artemisinina (50 mg / kg) ha ridotto in misura significativa i livelli di PAP, LDH, peso prostatico e indice prostatico e ha ripristinato le caratteristiche istoarchitetturali delle cellule.

 

Conclusioni

Il presente studio conclude che l'Artemisinina è efficace nel BPH indotto dal testosterone propionato.

Ciò potrebbe essere attribuito, almeno in parte, alla sua proprietà antinfiammatoria o al suo ruolo nella riduzione del livello di testosterone o come modulatore del recettore della vitamina D.

 

 

Chiaramente uno studio o un articolo non dettano legge. Non vorrei demonizzare l’azione del testosterone, ormone indispensabile per il benessere dell’uomo specialmente in andropausa. Qua si parla di IPB indotta dalla somministrazione di testosterone propionato e quindi una iperstimolazione a scopo anabolico, ma sicuramente potrebbe essere uno spunto per nuove terapie per la ipertrofia prostatica benigna.

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche ipertrofia prostatica 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati