Utente 449XXX
Salve, sono una ragazza di 26 anni. Soffro di sinusite che negli anni è peggiorata notevolmente scoprendo poi con tac e visita dal otorinolaringoiatria di avere un ipertrofia dei turbinati e setto nasale deviato. Ho fatto varieri cure nel tempo a breve durata con cortisone e spray nasale Dymista. La prima volta fatta questa cura ho avut dei miglioramenti di circa 3 settimane poi nel tempo niente. Non ha più funzionato nulla. A febbraio ho preso un aspirina C è dopo circa un'ora penso di aver avuto una reazione allergica. Mi si sono gonfiati gli occhi, cosa che non mi era mai capitata. Al pronto soccorso mi hanno dato del cortisone senza risultati, gli occhi non mi si sono sgonfiati. La mattina dopo sul viso ho avuto penso un orticaria con dei cerchi su tutta la fronte e corpo. Sono riandata al pronto soccorso dove mi hanno dato medrol da 16mg per 2 settimane. Ho fatto questa cura premde do anche l antistaminico ma una volta finita la cura l orticaria anche se lieve mi è ritornata e da allora ce l ho sui palmi delle mani. Ho notato da quando ho avuto qusta reazione allergica una dispnea. Continua. Ho fato rx torace ed è risultato tutto nella norma. L elettrocardiogramma anche. Il mio medico di base non crede io abbia avuto una reazione allergica ma bensì sia stato un fattore psicologico. Non sono un medico ma dubito non sia stata un allergia. Mesi ho ho preso un buscofen e ho avuto la stessa reazione più lieve però. Ho smesso anche di prendere il cortisone perché mi da una free agitazione e ho notato che peggiorava la mia rinite. Mi sveglio tutte le mattine con mal di testa, stanca, mal di gola, starnuri continui, orticaria mani e piedi, prurito alla gola e palato e un malessere generale per non parlare di questa mancanza di respiro, qua do dormo dormo tranquillamente ma come mi sveglio inzio ad avere fame d aria per tutto il giorno. L otorinolaringoiatria dic'è devo operarmi al setto nasale e turbinati/sinusite e se devo risolvere il problema sarebbe perfetto ma non so se la causa sia un allergia. Ho fatto pachtest e sOno risultata allergica al nichel +++ e ho fatto 2 volte il prik test con esiti diversi. La prima volta risultata allergica alle graminacee ++, la seconda volta tutto negativo. Volevo chiedere cHe visita potrei fare a chi potrei rivolgermi per capire da dove deriva questo mio problema è soprattutto per la dispnea che ormai mi sta facendo impazzire. Volevo chiedere un altra cosa. Tra un mese dovrei prendere l aereo. Ogni volta mi viene un dolore fortissimo al sopracciglioe testa tipo dei pizzichi fortissimi sensazione tipo aghi più orecchi tappate. Cosa potrei fare per evitare almeno il dolore. E visto che prima prendevo un antidolorifico prima del decollo e funzionava, ma Visto che forse sono allergica all acido acetilsalicilico, esiste un antidolorifico senza questo componente. Mi scuso per la lunghezza del messaggio ma sono disperata. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello

24% attività
4% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, lei soffre di rinosinusite con ipersensibilità all'acido acetilsalicilico e ai FANS. Anche l'episodio di orticaria può essere stato scatenato dal farmaco antinfiammatorio. se c'è la sensibilizzazione alle graminacee la forma è mista cioè da FANSe allergica. La valutazione sull'opportunità di fare l'intervento la deve valutare lo specialista otorino,e dipende dal grado di ostuzione. Ad ogni modo l'intervento ripristina la pervietà delle narici, non elimina la causa per cui per esempio i turbinati e la muccosa nasale si sono ipertrofizzati, per cui dovrà curare la rinosnusite tutta la vita, e fare in modo che non si riacutizzi in frma grave. La terapia corretta prevede l'uso dino spray al cortisone (il dimysta ha sia il cortisone che un antistaminico), da fare a cicli continui ad esempio 20 giorni al mese si e 10 no, dei lavaggi nasali con soluzione salina, e il Montelukast che funziona bene nei pazienti con ipersensibilita ai FANS. L'antistaminico per bocca funziona poco, a meno che non sia confermata la sensibilizzazione alle graminacee.
Dr. Paolo Fancello specialista in allergologia ed immunologia clinica