Disturbo al testicolo sinistro

Salve,
di recente ho dei disturbi al testicolo sinistro (non sono sicuro se sia proprio il testicolo, o sotto di esso). Mi spiego, di solito effettuo la masturbazione una volta in un giorno però se capita di farlo 2 o 3 volte nello stesso giorno, dopo la masturbazione (10-15 minuti) compare questo disturbo. Non lo definirei un dolore bensì solo un disturbo. Non ho altri problemi. Cosa può essere?
Grazie.
[#1]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
Gent.le utntë

Forse per prima cosa sarebbe necessario ridurre l'attivita' masturbatoria, infatti cio' potrebbe provocare un'infiammazione con il risultato di un fastidio testicolare.

Cordiali saluti

Q

Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

oltre a seguire il consiglio "acuto", datole dal collega Maretti, ora però è bene, per arrivare a fare una precisa diagnosi, considerare come prioritaria una valutazione con il suo medico di fiducia e poi eventualmente con esperto andrologo od urologo.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate anche su eventuali ed altri problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-la-prevenzione-andrologica-nell-eta-pediatrica-e-puberale.html .

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#3]
dopo
Utente
Utente
Salve,
grazie per le risposte. Ho consultato il link da lei fornitomi. Molto utile, grazie! Ho effettuato l'autopalpazione e non ho notato nulla di insolito. Al tatto seto come dei tubicini (epididimo?) ma comunque niente formazioni dure. Per il disturbo, lo ho solo quando "esagero" con la masturbazione. Se ne faccio solamente una in un giorno non ho problemi però sta di fatto che in passato anche con tre, per esempio non avevo questo problema se non sbaglio. Tra 10 giorni dovrò partire e stare via per lungo tempo, mi consiglia un controllo oppure posso partire tranquillo?
[#4]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Certo, prima di partire, è bene sentire il suo medico di fiducia in diretta e poi eventualmente anche un bravo andrologo se lui lo consiglierà.

Ancora cordiali saluti.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore. Lei pensa sia legato al fatto di troppe masturbazioni?
[#6]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

non mi sembra l'eziologia, da lei indicata, la più mirata; se così fosse, alla sua età, avremmo un miriade di ragazzi con un tale disturbo testicolare.

Ancora cordiali saluti.

[#7]
dopo
Utente
Utente
Salve,
beh allora perchè capita solo se effettuo più di due masturbazioni in un giorno?
Saluti
[#8]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
Segua il mio consiglio e riduca la sua intensa attivita' masturbatoria.

Cordialita'
[#9]
dopo
Utente
Utente
Grazie, seguirò il suo consiglio. Una domanda che mi è venuta in mente prima; è possibile sia lo slip scomodo? Perchè alle volte collego questo disturbo al fatto che lo slip non sia posizionato nel modo corretto, infatti spesso sento il disturbo tra "l'attacco" della coscia proprio dove lo slip va a stare. Grazie
[#10]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
se le compare dopo la mastrbazione lo slip non centra nulla.
[#11]
dopo
Utente
Utente
Salve,
oggi mi sono masturbato una sola volta, stamattina e non ho avuto problemi. Ma ora ogni tanto sento come dei crampi. Non so localizzarli bene ma non mi verrebbe da dire nel testicolo bensì o al lato o sotto. Sicuramente domani andrò dal medico di famiglia, ma nel frattempo, cosa può essere?
[#12]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
A questo punto, come già dettole, è bene sentire prima in diretta il suo medico di fiducia e poi eventualmente anche un bravo andrologo.

Ancora cordiali saluti.
[#13]
dopo
Utente
Utente
Salve,
il medico mi ha detto che secondo lui è un infiammazione dell'epididimo. Mi ha dato efferalgan 500 eff. per 5 giorni e in caso non passa poi ritorno e faccio un eco. Voi cosa ne pensate?
Saluti
[#14]
dopo
Utente
Utente
Invece di aspettare i 5 giorni, anche perchè lunedì devo partire, ho prenotato comunque un eco per giovedì. Che ne pensate?
[#15]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

se deve partire... la decisione presa mi sembra condivisibile.

Cordiali saluti.
[#16]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta dottore. Volevo anche sapere lei cosa ne pensa di quello che mi ha detto il medico. Voglio anche precisare che il disturbo non compare più dopo la masturbazione bensì così a caso. Per esempio oggi sono stato senza dolori tutta la mattina a casa e quando ho preso la macchina sono ricominciati, mi viene da collegarlo a certi movimenti, tipo la guida, non saprei. Ho anche esposto al mio medico che ero spaventato all'idea di una torsione testicolare ma non mi ha detto nulla...
[#17]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

le ripeto, senza aver visto nulla, tutte le ipotesi eziologiche da lei sollevate, se tenute presenti, fanno paura ma qui bisogna avere anche sempre presente l'osservazione clinica diretta fatta dal suo medico.

Ancora cordiali saluti.
[#18]
dopo
Utente
Utente
Grazie. Va bene allora continuo con l'efferalgan visto che quello che dice il medico riguardo l'infiammazione mi sembra plausibile anche perchè più che dolore mi sembra bruciore. Ho anche chiesto se poteva essere un infezione ma mi ha detto che non pensa visto che i sintomi sarebbero stati di più e ci sarebbe stato gonfiore. Io comunque magari sarà lo stress però di sera ho sempre un po' di freddo ma senza febbre, ieri sera misurata la temperatura era 37 per poi scendere dopo un po' a 36,5.
[#19]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Segua ora le indicazioni ricevute e poi, se il problema permane, bisogna risentire sempre in diretta il suo medico di fiducia e poi, se il caso, anche un bravo urologo od andrologo.
[#20]
dopo
Utente
Utente
Salve,
Ho fatto l'eco e questi sono i risultati:

Didimi in sede, di dimensioni regolari, ad ecostruttura disomogenea per la presenza di numerosi spots iper-riflettenti contestuali che conferiscono un aspetto a "cielo stellato".
Modestissimo idrocele a sn.
Non ectasici i plessi venosi pampiniformi.
Edpididimo sn modicamente aumentato di volume e disomogeneo, come da flogosi, con piccola cisti alla testa del diametro massimo di 3mm.
Piccolo scrotolita a sn (diam max. 2mm).

Domani porterò il referto al medico, voi cosa ne pensate?
[#21]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

sembra siano presenti delle calcificazioni o microlitiasi a livello testicolare, in pratica sono “spot iperecogeni”, come fossero puntini bianchi che simulano un "cielo stellato".

E' un quadro ecografico che va monitorizzato nel tempo ma ora senta il suo urologo in diretta.

Ancora cordiali saluti.
[#22]
dopo
Utente
Utente
Grazie, ma in poche parole cosa sarebbero? E cosa possono comportare?
[#23]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

in estrema sintesi per microlitiasi testicolare si intende una anomalia abbastanza rara, caratterizzata dalla presenza di microcalcificazioni con un diametro di 0,5-3 mm situate all’interno dei tubuli seminiferi del testicolo.

La microlitiasi testicolare è stata riscontrata bilateralmente più frequentemente in giovani maschi con testicoli ritenuti in addome o che hanno avuto difficoltà di discesa normale nello scroto.

Anche in uomini con sindrome di Klinefelter, cioè con un'alterazione del numero di cromosomi sessuali, con microlitiasi alveolare del polmone e anche con un seminoma testicolare (tumore facilmente curabile se diagnosticato precocemente e a tempo).

E' un quadro clinico quindi da seguire nel tempo, senza drammi particolari ma senza neppure trascurarlo o sottovalutarlo.

Un cordiale saluto.
[#24]
dopo
Utente
Utente
E per quanto riguarda lo sperma? Può causare infertilità? E' il caso di fare uno spermiogramma?
[#25]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Visto il quadro ecografico, glielo dirai pure il suo andrologo, bisogna fare, in ambiente dedicato, un esame del liquido seminale.

Cordiali saluti.
[#26]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
Gent.mo utente

vedo che il quadro clinico si è modificato non di poco, dallla dolorabilità dovuta all'intensa attività sex, al quadro da lei descritto che nulla ha a che fare con i suoi sintomi inziali, ma bensì ad un quadro ecografico che può rispecchiare anche un calo della sua fertilità. Segua le corrette indicazioni del dott. Beretta, ed esegua un esame semianle in un centro dedicato.

Anmcora cordialità
[#27]
dopo
Utente
Utente
Sono stato dal mio urologo il quale, dopo una visita accurata, non ha rilevato nessun problema se non altro un testicolo "ipermobile" ma che comunque essendo un po' più grande della norma, il rischio di strozzamento è più basso. Mi ha detto che non c'è infiammazione e che probabilmente il disturbo deriva dal fatto che il testicolo si muove. Per ora non ci sono azioni da intraprendere, solo nel caso la situazione peggiori si potrà, nel caso, procedere ad una fissazione. Dovrò fare, giusto per sicurezza, una urinocoltura, spermiogramma e spermiocoltura. Per i dots mi ha detto che sono il risultato di infiammazioni passate e comunque non di estrema rilevanza.
[#28]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Bene, il quadro clinico delineato sembra meno drammatico del previsto; ora segua attentamente tutte le indicazioni ricevute dal suo andrologo e, se lo ritiene utile, ci riaggiorni.

Ancora cordiali saluti.
[#29]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
Concordo pienamente con quanto detto dal dott. Beretta e se lo desiderasse ci aggiorn i.
[#30]
dopo
Utente
Utente
Salve,
mi scuso di non aver più scritto ma sono stato impegnato. Subito prima di partire dall'Italia poi ho eseguito lo spermiogramma, purtroppo senza rispettare i 3 giorni di astinenza (astinenza 1 o 2 giorni). I risultati sono buoni almeno confrontandoli con i valori di riferimento.

Indice di vitalità: 4,00%
Indice di fertilità 59%
Conta: 71.800.000
Forme normali: 73%
Forme appuntite: 11,00%
Forme arrotondate: 4,0%
Forme doppie bicefale: 2,0%
Forme ipertrofiche: 2,0%
Forme con teste amorfe: 5
Forme ipotrofiche: 5

Mi sono anche ricordato di scrivere perchè in questi ultimi 2-3 giorni mi è ritornato quel leggero disturbo. A volte lo definirei come un bruciore. Premettendo che il medico di famiglia e l'urologo mi hanno visitato (e ho anche fatto un eco), ho provato a palpare entrambi i testicoli e nel testicolo sinistro ho notato come dei tubicini 2 o 3 che invece nel testicolo destro non trovo, ne sento solo 1 di dimensioni ridotte rispetto a quello nel testicolo sinistro. In più provando a palpare in posizione supina non riesco più a trovare questi tubicini... A questo punto ho pensato al varicocele però come ho detto prima 2 dottori mi hanno visitato e dubito che entrambi non hanno notato una cosa del genere. Perlopiù il medico che mi ha fatto l'eco non ha ritenuto necessario fare un eco doppler in quanto secondo lui le vene erano di normale dimensione.

Voi cosa ne pensate?

Grazie, buone feste e buon anno

Saluti
[#31]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
l'esame è privo di attendibilità infatti non segue i criteri WHO ed inoltre non dovrebbero più esistere diciture quali "indice di fertilità" che non ha alcun valore nè logicità, per il resto segua il consiglio dei due medici e se vuole, ripeta l'esame in un centro dedicato a problematiche riproduttive.
[#32]
dopo
Utente
Utente
Grazie,
E per quanto riguarda la palpazione? Cosa ne pensa?
[#33]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Maretti, se desidera avere informazioni più dettagliate sul particolare ma complesso tema andrologico "varicocele", le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo da me pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-cosa-fare-quando-da-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#34]
dopo
Utente
Utente
Sì, avevo già letto l'interessante articolo, grazie.
Quello che mi sembra strano, comunque, è che due medici e un eco possano sbagliarsi su una cosa così facilmente diagnosticabile.
[#35]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
la palpazione, se necessaria, deve essere eseguta da mani esperte e cioè dallo specialista.
[#36]
dopo
Utente
Utente
La palpazione è stata effettuata dallo specialista urologo sia in piedi sia steso non evidenziando infiammazione ma solo epididimo ingrossato e ipermobilità.
[#37]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9k 179 3
quindi segua le indicazioni dello specialista.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio