Utente 222XXX
Salve a tutti e grazie anticipatamente per la disponibilità.
Contatto per chiedere un consulto. Un paio di settimane fa mentre stavo in intimità con la mia ragazza nel momento della penetrazione ho sentito una fitta sul lato sinistro del pene come se fosse stata una sensazione di sfregamento eccessivo per così dire. Il fastidio localizzato non sul glande ma al di sotto di esso sulla cute è durato in modo acuto per un gg circa, (sensazione di pizzicare al tatto). Man mano è diminuito e riesco liberamente ad avere rapporti ecc. Ad ogni modo però dopo ancora circa due settimane il fastidio persiste anche se con minore entità, alternando fasi di maggiore e minore sensibilità. La sensazione è tipo bruciore, e non è visibile nulla che possa lasciar immaginare un infiammazione o qualsiasi altra cosa. La pelle non è rossa... è perfettamente normale. Ho applicato creme come calendula o balanin ma completamente inalterata resta la cosa. Tengo a dire che sessuali ente parlando sono molto attivo e che non ho provato a stare più di un gg in completa astinenza, ma chiedo in generale un opinione medica a professionisti che ne sapranno più di me. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il dato che ci trasmette circa i reiterati rapporti coitali,non può che tranquillizzare.In presenza di uno stato infiammatorio della mucosa o della cute del pene, non potrebbe avere una vita sessuale né utenza né sporadica.Ha mai eseguito un esame seminale?Ne approfitti per sottoporsi ad una visita specialistica di controllo routinaria.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 222XXX

Grazie mille dr Izzo per la celere e soddisfacente risposta.
In passato ho fatto esame seminale risultando tutto nei parametri, circa 4 anni fa. Come dice lei essenzialmente i continui rapporti mi danno conforto sulla tematica esposta, ma non capisco perché se pur "leggero" che sia, il fastidio persiste, pur non essendoci niente di veramente visibile. La pelle non è particolarmente rossa rispetto altre zone, non c'è gonfiore o sicuramente qualcosa che ai miei occhi inesperti appare. Solo un leggero fastidio come di particolare sensibilità o di una scottatura in via di guarigione insomma. Sono lontano da casa a Milano per lavoro quindi non posso incontrare il mio urologo/andrologo, a questo punto aspetterò un altro pò di tempo per vedere il decorso della cosa, nel caso vedrò qualcuno in zona. Grazie mille.

[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il problema sembra essere cutaneo e, quindi,nessuna preoccupazione per la funzionalità del pene.Soffre di psoriasi?
Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#4] dopo  
Utente 222XXX

Effettivamente un pò si, sopratutto localizzata a livello delle dita della mano! Ho pensato anche io infatti che il fastidio fosse prevalentemente cutaneo. Per la funzionalità del pene infatti tutto inalterato per fortuna, anzi da quando ho avvertito il fastidio, in modo sicuramente anche erroneo, stimolo ancora di più la sua funzione! Essendo un pò ipocondriaco, ed essendo la zona particolarmente delicata, tendo a essere un pò catastrofico. Avevo anche pensato, ricercando un pò in rete (un altra cosa errata) che potesse essere una lieve forma di tromboflebite, ma questa dovrebbe essere esplicitamente visibile e causare anche molto più fastidio. Infatti non noto gonfiore o rossore o capillari più in vista rispetto ad altri, quindi mi viene da escluderla in modo sereno. Ad ogni modo ho trovato uno specialista in zona, un urologo/andrologo dal quale andrò lunedì prossimo, meglio farsi dare un occhiata da qualcuno molto più esperto.